Cònteme, nòt…

      6414.mp3

Cònteme, nòt, chiche l’è qoéle stéle zidiose
che te sbusa ‘l linzöl de colori smorzàdi
a ‘l rebàter de cóspi ‘n silenzio
su la pèl tuta négra, carolada de lum
l’è i penséri de gènt dal futuro perdù
i scantìna sul sófi de ‘l vènt pu revèrs
i se àngora pèche che làssia vargót
polegade ‘n de ‘l stómech le strùca dal mal
e ti, me còntes sta storia, no i la crede negùn
chi, le giostre le tonda, gh’è paiazi che ride
bòmbi dolci e lumàte che brìgola e slùse
ma la musica ‘ntòna na canta par i òrbi
tuti ‘n fila de nöo, för da ‘n uss che se sèra
su ‘n de ‘l muss de speranze robàde a ‘n porét
cònta, cònta,
cònta pur chiche passa
chiche néga no ‘l gh’è,
mai nassù par dalbòn
nianca sol par el numer gió ‘n font

Giuliano

raccontami, notte…

raccontami, notte, chi sono quelle stelle accidiose | che ti bucano il manto dai colori spenti | al rintocco di zoccoli muti | sulla tua pelle nera, intarlata di lumi | sono pensieri di gente dal futuro svanito, | scricchiolando sul soffio di un vento contrario | che si augurano impronte che lascino un segno | son carezze nello stomaco confuse al dolore | e tu mi racconti una storia, non la crede nessuno | qui, girano le giostre, i pagliacci ridono | caramelle, dolcetti e scintille che vibrano e brillano | ma la musica intona una canta per gli orbi | tutti in fila, di nuovo, dietro un uscio che si chiude | sulla faccia della speranza rubata ad un povero | conta o racconta | conta pure chi passa | tanto chi annega non c’è | non è mai nato, davvero | neppure per il conto finale

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “Cònteme, nòt…

  1. Piena di sentimento, anche se, come di consueto, molto elaborata nella sua forma; la definirei “superlativa”.
    Per fortuna mia, e forse di altri, usi anche tu mettere la traduzione.
    Complimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available