el làpis…

      6425.mp3

el sgrìfa con na crós
i ensòni mèi, strangóssi,
su qoél pefèl tut bóli
de promissión sgaùse
co ‘l sò saór de gnào
che ‘ndrìzza idee sgherlàde
da facce istesse al cul
ligàde a sènte dèstre

el dròpa ‘l segn, sbaglià
diséva ‘l me maestro,
qoél segn par scancelàr
vanzà par far content
chiche vorìa futuro
ongiù de ‘n pöch de niènt

Giuliano

la matita…

lei graffia con una croce | i sogni miei, profondi | su quella scheda a bolli | piena di promesse vane | col loro fetore di chiuso | che raddrizza idee azzoppate | da facce come il culo | legate a scranni comodi | lei usa il segno sbagliato | come insegnava il mio maestro | quel segno che serve a cancellare | risparmiato per far contento | chi vorrebbe un futuro | unto da un po’ di niente

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “el làpis…

  1. Una tristissima realtà, di vastissima portata e con potenziali terribili conseguenze, ma da te magistralmente e pacatamente condensata in poche sapienti parole, pregne di significati, ovvi e meno ovvi. Non deludi mai, Amico mio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available