odor de nòt…

      6434.mp3

è crodà gió na stéla ‘n tra le fizze de la nòt
lassando che na strìsa ‘mbarlumàssa ‘nca la luna
l’à traversà ‘l tapé slusènt tut de bolìfe a scarmenon
la sesla, spègio giàlt, a ramaissàr le sere massa lònghe
entant che pan pianin se carga cète le soste de ‘l cervèl
perdù dent a i penséri pogiàdi su le spàle come cràiz
gh’è odor de nòt ‘nde i föghi de paròle de la gènt
i giàsega e i me ‘mpìza preciss de le vis’ciade de le ortighe
cressùde ‘n le tibàne ent da Ischiazza, lassada lì a morìr muta e soliènta

la spénge négra e scura slissandome, ninöl,
la pèl de pàbie sùte, càrpen sèch
de torn se sfrèda ‘l fum de lambicade
sgociàndo ‘l ultim cìn de sànch de bràsche
par stormenìr i ensògni de ‘n putàt
che ‘l vede ancora ciàr e no ‘l ne bada

l’èi nada adèss, la siora e vence ‘l scùr machégn
sperànte ‘n de na cìfa de sol vìo a saludàr el dì

Giuliano

odore di notte…

è caduta una stella tra le pieghe della notte | lasciando che una striscia abbagliasse anche la luna | ha solcato il tappeto lucente di scintille alla rinfusa | il falcetto, specchio giallo, a rimestare le sere troppo lunghe | mentre pian piano si caricano dolcemente le molle del cervello | perso dentro ai pensiero appoggiati sulle spalle come portantine | c’è odore di notte nelle fiamme di parole della gente  | fumigano e mi aizzano come sferzate di ortiche | cresciute nelle rovine di Ischiaccia, abbandonata lì in silenzio e sola | spinge nera e scura, accarezzandomi, delicatamente | la pelle asciutta, carpino secco | in giro raffredda il fumo di alambicchi | gocciolando l’ultimo umore di sangue di vite | per frastornare i sogni di un ragazzo | che vede ancora azzurro e non ci considera | ora se ne è andata, la signora e vince il nero tristo | speriamo in una smorfia di sole vivo che risvegli il giorno nuovo

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “odor de nòt…

  1. Come riesci ad incantarmi ogni volta? Come fai a scegliere e a mescolare con questa magia le parole? Tu mi incanti, ancora e ancora.
    Bella. Bella e magica.
    Sabrina. Mìgola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available