vìo…

      2404.mp3

me sento ‘n trà i cavèi
en refol sut
che ‘l core su le fìzze de la pèl
lassando che ‘l sia ‘n sgrìsol
qoél pensér che smàca fìss

po’ sota i pèi ‘na nùgola
pù mìza
usmàr grìs de ‘na poza pestolàda
e sbrìnze che ‘mpazòlda braghe bianche
cosèndo ‘n ségn, repèz da sabo s’cèt

ma l’àrfi ‘l me soléva för da nòt
bolìfe rosse
verén che core ‘n lònga ‘i dì pu mèi
e nàse  ‘n sol balèch de dent
‘n de ‘l pèt che è tut sfrizóni e  ‘l par boìr

e ‘l cör l’é na coltrìna repezàda

Giuliano

vivo…

mi sento tra i capelli | un refolo asciutto di vento | che corre tra le pieghe della pelle | lasciando che sia un brivido | il pensiero che rintocca profondo | poi sotto i piedi una nuvola | fradicia | segno grigio di una pozzanghera calpestata | e spruzzi che sporcano pantaloni bianchi |  cucendo un segno, rattoppo da sabato, schietto | ma il respiro mi fa rinascere da notti | faville rosse | veleno che corre a lato dei giorni più miei |  e nasce un sole informe dentro | al petto pieno di fitte che sembra ribollire | ed il cuore è una tendina rammendata

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

6 commenti su “vìo…

  1. mi piace molto il non detto, l’intuito, il far morire un po’ di lettore per fargli capire qualcosa, non dargli tutto pronto sul vassoio
    diventa un dialogo, non ti pare?

  2. Sì, Pieluigi, hai ragione: è quel “dentro” il nocciolo di questa,come di tante altre sue, poesia di Diaolin. Se si è poeti dentro si può guardare al mondo; se dentro si è vuoti, appunto solo dentro, per cercare quel che non c’è, si può guardare.

  3. le tue parole sono una elegia di dolci lacrime, scuotono in petto, parlano il linguaggio di chi non ha il volto coperto dal cerone, di chi non ha perduto le lacrime, di chi non nasconde con rattoppi la purezza che si è mischiata all’acqua s…tagna di una pozzanghera, di chi ha dentro il tepore “informe” che sa inventare sempre un’alba, per un nuovo giorno….per rinascere dentro…anche quando sei toccato dal veleno dell’indifferenza..quella stradina laterale che ti fa perdere il mondo, e fa andare alle notte senza sonno e senza sogni..ma ogni volta sei tu.. a soccorrere come in un respiro fondo la miseria del tempo. E io m’incanto alle tuo dire della vita…..

  4. Quanta delicatezza, tenerezza, dolore in quel refolo di vento che scompiglia i capelli; un refolo che nasce da un cuore rammendato. E’ un raccontare molto poetico il tuo e dice…molto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available