autostop

      2965.mp3

Sentà lì arènt a l’ór, la strada tuta a buse,
con en cartèl: “FUTURO”, ‘n de man, picandolón
el pòles endrizà come ‘n imperator al circo
ma a molàr gio ‘l pedàl negùn fa niànca mòto 
i core ‘mprèssa, tuti, par arivàr solàgni
endove, no i lo sà. 

Entant el mondo ‘l tonda, el gira e ‘l fà la vòlta
l’è ‘n pirlo ‘n pél balèch, che ‘l sbòcia e cròda gènt
‘l cartèl el se smarìsse, e i òci i ciùta bass
vesìn, ‘n lònga a la strada,  gh’è ‘n fior color de ciel
a ‘mpiturar la polver de chiche no gà temp
de dir niànca “bondì”

lontan ven su ‘n putàt,
col dé levà e ‘n cartèl
‘l speséga, anca él

Giuliano

autostop

seduto vicino al bordo, la strada tutta a buche | con in mano un cartello: “FUTURO”, penzolante | il pollice raddrizzato come un imperatore al circo | ma nessuno rallenta, non fa neppure finta | e corrono veloci, tutti, per arrivare solinghi | non sanno neanche dove | Intanto il mondo gira, in tondo e torna indietro | è una trottola sbilenca, che sbatte e muore gente  | il cartello sbiadisce, e gli occhi si abbassano | vicino, lungo la strada, c’è un fiore color del cielo | a pitturare polvere di chi non ha il tempo | neanche per dire buongiorno | da lontano si avvicina un giovane | col dito alzato ed un cartello | ha fretta, pure lui

 

 

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

1 commento su “autostop

  1. Riporto da Facebook:

    Daniela Corolaita
    Bellissima … è proprio vero … è una corsa impazzita che non porta a niente … porta soltanto vuoto e solitudine!!! Ciao, grazie. Daniela

    Giorgio Cogoli ‎
    ..propria vera..nianca “bondì”..!!!

    Clizia Gallarotti
    giusta giusta…. grazie!

    Anna Schettini
    la dimensione del tempo interno, interiore, intimo……quello che questa intera umanità ha perso..il suo colore e l’essenza di un profumo..o di una musica che suona dentro gli esseri umani…e risuona nell’insieme e nei molti…

    Saverio Gelardi
    Mi identifico totalmente in questo tuo pensiero. E’ spaventosa questa rincorsa continua senza sapere dove andare. Forse è il nostro è un tempo talmente abusato nel suo continuo rincorrerlo che si può sperare di riscoprire nel domani un buongiorno o un fiore color del cielo. Ma rimarrebbe il dubbio se poi il meccanismo non finisca col ripetersi e ritrovarsi nuovamente nella polvere ad inseguire il tempo….

    Mirko Dalle Mulle
    Tutti a correre chissa’ dove, chissa’ perche’.
    Senza fermarsi poi, nemmeno a provare a vedere, cosa ti sta attorno.
    E chissa’.. magari un giorno tutto si fermera’. E sara’ dura per chi non è abituato a star fermo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available