spèteme…

      3045.mp3

la trà par scampàr föra
pò ciùta ‘n pel spavènta
dré na nugola na sféssa,
crèpa fonda ‘n mèz al vent
l’è sol na ciòca gréva
che la canta a soga a sbàlz
e ‘n mónech ‘l se sbalànza

autà dal vènt

sfaliva ‘n lum ‘n la nòt
tut ross el sbrìgola, ‘nzispà
el par empresonà vesìn a ‘n fior
pogià li arènt, en fòli sporch de làpis
con sora na parola istessa a l’aqoa
lassada a chiche ‘l varda
con na lagrema ‘n de ‘l cör

e no ‘l diss gnènt

Giuliano

aspettami

lei spinge per uscire | poi timida si affaccia | una crèpa in una nube | vallo oscuro in mezzo al vento | è solo una campana a martello | che canta a fune a sbalzo | ed un sacrestano si dondola | aiutato dal vento | favilla un lume nella notte | tutto rosso tremola, irritato| appare imprigionato accanto ad un fiore | appoggiato vicino, un foglio sporco di matita | con sopra una parola color d’acqua | lasciata a chi la guarda | con una lacrima nel cuore | ed in silenzio tace

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “spèteme…

  1. Se è vero, come credo, che la poesia “appartiene” a chi la legge più che a chi la scrive, questa volta Giuliano devo ammettere che non mi appartiene. Non riesco ad entrarvi come già in tante altre. Non riesco a trovarne il messaggio. Abbi pazienza. Che sia diventato ancora più zuccone? Possibile.
    Ciao.

    E col tuo nuovo sito, a conferma di quanto sopra, sono sempre in difficoltà.

  2. Riporto da Facebook:

    Clizia Gallarotti
    siamo a un livello improvvisamente ancor superiore…

    Giorgio Cogoli
    e no ‘l diss gnènt..

    Gianni Piubello
    par essar bela, insoma lè bela. La me fà un pò tristessa e poro el campànar scorlà dal vento.

    Rosa Rivelli
    quelle parole color d’acqua che si insinuano nei luoghi del silenzio…

    Anna Schettini
    Bella Giuliano..certo se ascolto la tua voce soltanto..fatico ancora nella comprensione..e allora….

    lassada a chiche ‘l varda
    con na lagrema ‘n de ‘l cör

    e no ‘l diss gnènt

    Toni Barbisòl
    mì te digo solo grassie

    Mato Deidda
    Dolcissima lirica. Complimenti.

    Giuliano Ramon
    Bellissima.

    Daniela Corolaita
    Appare imprigionato accanto ad un fiore … appoggiato vicino, un foglio sporco di matita … – con poche parole hai dipinto la bellezza della poesia (fiore) e l’ incertezza della vita (foglio sporco di matita) … le parole scritte a matita … se vuoi … si possono cancellare per riscriverne di nuove … per questo la poesia l’hai intitolata “ASPETTAMI” … con una lacrima nel cuore … ed in silenzio tace !!! Così la leggo io!!!

    Gianni Piubello
    bela stà rìcension cuà de sora, cuasi nantra lirica. Ansi, nantra lirica. Ma, par piàser, volìo salvàr chel poro campànar scorlà dal vento ?.

    Daniela Corolaita
    Devi dirlo a Giuliano … avrà avuto un buon motivo per metterlo in condizioni così precarie … può essere una metafora … “Tutti noi siamo in balia del vento” qualcosa che non conosciamo … che ci spaventa … ma rimaniamo ugualmente ancorati a quella che chiamiamo “VITA”!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available