la mè ca’…

      3363.mp3

su le ale de ‘n arnài che ‘l sgola cèt
lì, dalbòn, gh’è la mè ca’, senza sperèi
né straméze, scondiléoro de putàti
e le coltrìne l’è la ré de ‘n bèl ragnòt
tut de pél, ninöl tut negro, a far la pòsta
scondù ai òci ‘n de na sféssa sul color

alt la sgola la me ca’, sul ciel pù font
la me pòrta ‘n paradìss se ghe don òdia
la ‘mpienisso de penséri si balènghi
che i mè amìzi i dis “l’è mat qoél lì, porét!”
la me scampa ogni qoal trat coi mè penséri
ma se ‘l piöo la vèn de volta a se sugàr

l’èi parole, brèghei, tàser, ‘nsin matérie
me la tögo dré ogni dì ‘n de ‘n sgol putàt

Giuliano

la mia casa

sulle ali di un falco che vola in silenzio | lì, davvero, c’è la mia casa, senza finestre | e neppure tramezze, nascondino per bambini |  e le tendine sono la rete di un bel ragno | tutto di pelo, ciuffo nero, sta in agguato | nascosto agli occhi in una crepa nel colore | alta vola la mia casa, nel cielo profondo | lei mi porta in paradiso se le dò retta | la riempio di pensieri così strambi | che gli amici dicono “è pazzo quello lì, poverino!” | lei mi scappa di tanto in tanto assieme ai miei pensieri | ma se piove torna indietro ad asciugarsi | è parola, urla, silenzio, perfino giochi | me la porto dietro ogni giorno in un volo fanciullo

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “la mè ca’…

  1. Sempre da Facebook

    Daniela Corolaita

    E’ parola… urla… e silenzi… troppi silenzi!!!

    Luciana Tosi

    Bravo!!!

    Fulvia Villi

    Ora ho letto le tue poesie…mi mancavano. Mi danno il coraggio di “vedere” meglio anche le mie di emozioni. Quando ti vien tolta la possibilità di indagare nelle tue emozioni,quando l’essere in un luogo che per te è libertà, quando non sei tu a decidere perchè il tuo corpo impone delle scelte,quando il movimento ti viene negato allora tutto il tuo essere assimila le note di una poesia come un canto , come una speranza,come un futuro vicino.Grazie Giuliano per me sei un incoraggiamento a guardare avanti!

  2. Ancora Facebook

    Enzo Giuseppe Cecchi

    Me la togo dre ogni di

    Rosa Rivelli

    e negli occhi di un ragno cercai uno spicchio di mondo..molto bella, Giuliano, questa poesia senza porte e finestre

    Saverio Gelardi ‎

    …mi piace la tua casa che vola alta e pure il tuo portartela dietro ogni giorno in un volo fanciullo….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available