super partes…

      3396.mp3

desmissià da le mè man ‘l sghigógna el snöl,
enzispà, sqoasi sbilènch, el se ‘nghinòcia
po’ ciuta ‘n gió corioss en robabezi
che ‘l cuca ‘n le scarsele, sfodegón
par veder se è vanzà magari ‘n soldo

el tràpola gio ‘n trà, l’e’ na talpina,
‘l rebalta qoel che ‘l gata, ‘l fóga fónt,
me slizega la man par darme paze
e ‘l ragn el sgussia  föra ‘ntrà ‘n repèz
‘n de ‘n slinch come ‘n ciavàt, stremì, de not

el córe po’ ‘l se scònde dre a ‘l armar
vardandome da sóra come ‘n siór
e parte na ciavèla a darghe ‘l òrz
pitura de na stéla sul celór
ma ‘ntant, da dre ‘n canton ven su ‘n susur

i ride e l’e’ tut ciàte ‘n procesion

Giuliano

super partes

risvegliata dalle mie mani scricchiola la maniglia | stizzita, un po’ sbilenca, si inginocchia | poi si affaccia curioso un piccolo falangio (ragno dai soldi) | che guarda nelle tasche, esploratore | per controllare se è rimasto un soldo | rovista dappertutto, e’ una piccola talpa, | rovescia cio che trova, fruga in fondo, | mi scivola una mano per calmarmi | ed il ragno se la svigna da un rammendo | in un salto come un rospo, spaventato, di notte |  corre e si nasconde dietro l’armadio | guardandomi dall’alto come un signore | e parte una ciabatta a far giustizia | dipinto di una stella sul soffitto | ma intanto sale un rumore da dietro un angolo | ridono e son mille zampe in processione

Mi turba molto lo stato delle cose di questi momenti: basterà un voto?

 

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available