sota ‘l capèl…

      5824.mp3

no è restà niènt sota ‘l capèl
che no ‘l se ‘mpégolia ‘n penséri
a rumegàrme le mè nòt
co i òci avèrti a vardàr föra,
cèta,  la val

sfalìva lùm su ‘l ciél smorzà
nugole sgnèche scònde la luna

come ‘n trisòt che ‘l tonda a pirli
me ‘mpasto ‘nsògni che è lì sul bói
i me ziménta, fòrsi i me vénce
dedré da l mont na bàla bianca
a s-ciarìr néte matìne crùe

sfalìva lùm su ‘l prà, l’è bruma
la ‘mpìza fiori che möre sùbit

no è restà niènt sota ‘l capèl
sol na caréza e ‘n prà seslà

Giuliano

sotto al cappello

non è rimasto nulla sotto al cappello | che non si appiccichi in pensieri | per sconvolgermi le notti | con gli occhi aperti ad osservare |  la valle silenziosa | favillano luci sul cielo spento | nuvole morbide oscurano la luna | come una frusta che gira in tondo | impasto sogni maledetti | mi opprimono, forse mi annientano | fa capolino dal monte una palla bianca | a rischiarare risvegli tragici | favillano luci sul prato, è brina | e accende fiori evanescenti | non è rimasto nulla sotto al cappello | solo una carezza ed un prato falciato

 

Sono tornato da un po’ di tempo e le notti sono spesso così, ogni giorno di più

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

6 commenti su “sota ‘l capèl…

  1. Me despias, vècio Diablo! Sarà miga colpa de la luna, quela vècia babbiona che la pedona descolza?
    Smòrza la lum e tirete sota al pimin, magari dopo aver trinca na bicada de vin!
    Comunque às reso bèn l’idea -quela frusta che stonda- . Capiterà la primavera a regalarne i colori che st’invèrn ‘sto tèmp baléngo el n’à robà…. Sarà miga, fòrsi colpa de quel prà lagà nar a remengo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available