encantesemà…

      6273.mp3

aoguri e ancor pu tant aoguri a ti
dalbòn, con tut el cör, e a tuti i töi
po’ vòlto ‘l òcio e ‘l è susùri grévi
ociàde de sbighèzz, penséri crùi
le facie come ‘l cùl che se palésa
e mi che i làsso rìder dré la schéna
sènza pander na làgrema ormai sùta

podrìa gaverghen, fòrsi, anca ‘n festìdi
molàndo lì na Pàiris de zibòga
ma i fonda le onge spìzze ‘n de la pèl
sgrifàndo senza usmàr lìve par sóra
se ‘ncanta sol ‘l orlòi de la me fràona
con en strangoss balèch el bàte fiss
e le mè nòt le pàssa a contàr stéle

me son ‘mpizà su ‘n föch che brùsa vìo
ma ‘l scalda sol chiche lo tèn lontan

Giuliano

rapito…

auguri e ancor di più, auguri a te | davvero, con il cuore, a tutti quanti | poi giro l’occhio e sento il bisbigliare scuro | occhiate di traverso, pensieri grevi | le facce come il culo che si rivelano | ed io li lascio ridere alle spalle | senza versare lacrime ormai secche | potrei lasciare al vento il cruccio mesto | sul soffio di una Bayrisch con la fisa | ma spingono, gli artigli nella pelle | scavando senza segni sulla scorza | tentenna per un poco il battivoga | con un singhiozzo intenso si riprende | e ritma le mie notti a contar stelle | mi son acceso un fuoco che arde sempre | ma scalda solo chi lo tiene lontano

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “encantesemà…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available