néo…

      6289.mp3

l’èi tuta ‘nfarinàda, la val, sta doman
se sente ‘l susùr de ‘n silènzio tasèst
sora ‘l mòrbi de ‘n vel che ‘mbarlùma
e ‘l lassa i penséri a ninàrse lì al calt

el gràgola gréo l’argàgn par sto més
el tira gio ‘l cònt e l’è numeri gròssi
repèzi de ‘n tèmp che no ‘l par de negùn
corèst da ‘n putàt dré ‘n balon gio dal tó

valgùn ‘l à pur vist i omenéti crodàr
ma par che qoél pirlo ‘l tondàss de so’ posta
sperando che ‘l pónt fuss na strisa par sè
segnada sul negro de na vècia tabèla

‘l è temp de scarar via paure dal cör
e fòrsi voltarghe la pagina al libro
lassando le réce tornar carta slìssa
par scriver col làpis na strada a pè pian

Giuliano

Rilettura di Guido Comin PoetaMatusèl www.poetamatusel.org

      snow néo - guido

snow …

All powdered this morning the vale
audible murmur of a tacit silence
on that softest of veils that dazzles
leaving thoughts to its warm lull

the radio moans grimly this month
drawing the sums in big numbers
like patches on a time that’s no-one’s
chased by a child with a ball in a ditch

though someone saw the skittles fall
yet the top seems to spin by itself
in the hope of a strip exclusive etched
on the old face of a blackboard

time to chase fears from the heart
perhaps to turn that page in the book
letting dog ears revert to smooth
to write in pencil an easier road

 

neve…

è tutta sbianchita, la valle, stamane | si sente il sussurro di un silenzio taciuto | sul soffice velo che abbaglia | e lascia i pensieri cullarsi al suo tepore | si lamenta greve, la radio, in questi giorni | tira le somme e sono numeri immensi | rammendi di un tempo che non sembra di nessuno | rincorso da un bimbo dietro ad un pallone nel fosso | qualcuno ha pur visto cadere i birilli | ma pare che la trottola giri da sola | sperando che il punto sia una striscia per sè | incisa sul nero di una vecchia lavagna | è tempo di scacciare le paure dal cuore | e forse voltare la pagina al libro | lasciando che le “orecchie” tornino carta liscia | per scrivere a penna una strada leggera

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

12 commenti su “néo…

  1. “voltarghe la pagina al libro lassando le rece tornar carta slissa”
    Questo è un verso che suggerisce profonde riflessioni. Quella pagina con le “rece” dice di un tempo che si è fermato per pensare, ripensare e magari per capire. La pagina ( una sola) segnata dice che non si può proseguire se non si ha digerito quello che si è letto (vissuto).
    Sono convinto che la carta “slissa” sulla quale scriverai facilmente è a portata di mano anche se, inevitabilmente, altre pagine e altre”rece” servono a persone come te che non prendi certo le cose alla leggera.
    Bravo per la bellezza che sai esprimere.

  2. Bellissima, come tutte le tue poesie, che vanno sempre a rimestare tutto ciò che abbiamo dentro, con una richezza di immagini sempre originali, mai scontate, mai banali, sempre fresche: come una fragolina di bosco porta a un amico…

  3. Ciao, ho provato leggere la poesia in dialetto,non ho capito gran cosa, l’ho letta in italiano e ti ringrazio per la traduzione bella proprio nella baci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available