en òghen…

      3069.mp3

i cònta na malora strangossàda
repèz fat su da sàbo sora ‘n sbrèch
tegnirne, testa ‘n gió a schena cuciàda
bèi cèti ‘n te ‘n canton seràndo ‘l bèch

e pò vèn su na voze che scaìna
a dirne che i pecàdi l’è ‘l nòss bèn
da gio, ‘n tra mèz i banchi de cosìna
entant che i cöri i ciucia dent verén

en sguardo da pretòt de prima man
na voze che la ‘ncanterìa na slanza
e gent che se ‘nghinòcia da lontan

tegnèndose bèn struca la sò panza
el tòna come ‘l fuss en sagrestàn
metèndone a l’incànt tut la speranza

Giuliano

un raglio…

raccontano di un problema che ci siamo cercati | rammendo  da sabato su uno strappo | per tenerci testa in giù a schiena piegata | tranquilli in un angolo in silenzio | e poi s’ode una voce sguaiata | a dirci che i peccati sono la nostra salvezza | da sotto, in mezzo ai banchi di cucina | intanto i cuori succhiano veleno | uno sguardo da prete novizio | una voce che incanterebbe un serpente | e gente che si inginocchia da lontano | tenendosi ben stretta la sua pancia | tuoneggia come fosse un sacrestano | mettendo all’asta tutta la nostra speranza

 

Alle volte si sentono persone che sembrano tutt’altro rispetto a ciò che dimostrano di essere…

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available