Par i sposi

      5863.mp3
      5863.mp3

Sgola na rondola
‘n te ‘l ciel davèrt al sol
e la caréza l’aria suta
pogiandose su ‘l nìo
lì sota ‘l vècio pòrtech

La ciciola contenta
na storia che la nase pròpi ‘ncöi
contàndoghela a tuti
sqoasi a far festa
con tut la gent lì arènt

Cèta la spèta ‘n bater d’ale
par quel gran sgol
che ‘mpìza soi
de dent en l’anima
bràse ‘n te ‘l cör

L’è ‘n sgol putàt
che ‘l polsa dolc
su ‘n te na nugola de bata
al tébi de ‘n strucon

Giuliano

per gli sposi

vola una rondine | nel cielo aperto al sole | ed accarezza l’aria asciutta | appoggiandosi sul nido | lì dentro al vecchio portico | Garrisce felice | una storia che nasce proprio oggi | raccontandola a tutti | quasi a far festa | con tutta la gente vicino | Calma attende un batter d’ali | per tuffarsi nel volo | che accende soli | dentro all’anima | brace nel petto | È un volo bambino | che riposa quieto | su una nuvola di bambagia | nel tepore di un abbraccio

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “Par i sposi

  1. Bella poesia Giuliano, mi piace e, per il suo lingiaggio semplice e scorrevole che la rende di facile comprensione, mi ricorda lo stile di Umberto Saba in alcune sue poesie lette di recente.
    Noto un cambio profondo di espressione rispetto ad altre tue, anche recenti. Complimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available