fotografie…

      1824.mp3

l’ài scontrà ‘n mèz al mirìn de védro nét
l’ agolìn che ‘l feva tonde sora ‘n arbol
brustolà fòrsi da ‘n tòn crodà li arènt
e pu ‘n su ‘l sgolàva, péš perdù ‘n ‘l azùr

l’a fat come na sfragnòcola l’argàgn
e ‘n busnàr de ào che sgola à ferma ‘l bel
dent scondu de dré  da ‘n vedro ‘n na pitura
töta gió par esibirmela geloš

l’è li ancor che ‘l se sdindòna sora ‘l vènt
e ‘l me ride föra come ‘n pör sgalèmbro
tant che ‘n pauper che se crede averghel sò
con  en click che ròba ‘n atimo e po’ gnent

Giuliano

l’ho incontrato in mezzo al mirino di vetro pulito
il falco che girava in tondo sopra l’albero
bruciato forse da un tuono caduto vicino
e verso l’alto volava, pesce perduto nell’azzurro

ha fatto come uno schiocco l’attrezzo
ed il ronzio di api che volano ha fermato il bello
nascondendolo dentro, dietro un vetro in un dipinto
eseguito per metterlo in mostra gelosamente

è ancora li che si dondola sul vento
e mi deride come fossi un povero cristo
o come un illuso convinto di averlo catturato
con un click che ruba un attimo e poi niente

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

3 commenti su “fotografie…

  1. Un attimo e poi niente …
    In quell’attimo hai fermato una tua emozione … un tuo stato d’animo…hai soltanto fermato in un’ immagine l’istante del tempo … un batter d’ali sull’alito del vento … che non ha suono e nè colore … ma è s…oltanto vento …!!! Bella …
    Ho scritto sul vento una poesia … “Colorsuono” la metterò nelle note tra pochi giorni …
    Ti aspetto domenica …ciao!!!

  2. Bella. Forte.

    ” pu ‘n su ‘l sgolàva, péš perdù ‘n ‘l azùr”
    (“..e verso l’alto volava, pesce perduto nell’azzurro..”)

    ……Torna il tuo falco
    che ricordo in altra poesia
    che volava alto nel cielo
    con quella fiera e bella superbia
    che qualche volta hanno
    gli “uomini che non si voltano”
    nel silenzio.

    Quel pensiero di fermare
    l’attimo di un volo
    ….il segreto di un volo..
    per l’ incantamento
    afferrare, catturare, fermare
    tenere per se..in uno scatto
    furtivo
    come in un click…

    Alto deciso elegante.
    bello come l’attimo di Faust..
    il segreto di un rapimento
    di poter trattenere quella bellezza per se..
    di farla restare con te..

    Per ciò che non si può o non si deve,
    o non si sa avere in se o per se.
    Per ciò che è bello e
    vola alto
    e si posa
    e poi
    si allontana lontano da te.
    Libero.

    Ti ho sempre detto che tu
    mi evochi suoni di poesia
    Montale..il suo ermetico rappresentare
    la natura il movimento in uno sguardo
    che dice altro..perché i poeti
    non devono mai spiegarsi..
    hanno già detto con suoni e colori
    la vita dentro e di fronte.

    ……
    “Bene non seppi, fuori dal prodigio
    che schiude la divina Indifferenza
    era la statua nella sonnolenza
    del meriggio, e la nuvola, e il falco alto levato.”

    ….
    “Il cuore che a ogni moto tiene a vile
    raro è squassato da trasalimenti.
    Così suona talvolta nel silenzio
    della campagna un colpo di fucile”

    Montale Ossi di seppia.

    Spero non averti creato imbarazzo
    se ho misurato il tuo canto
    accostandolo
    ad alcune atmosfere dell’anima
    di questo poeta a me caro..
    poeta delle “cose” di dentro…

    Grazie Giuliano perché
    mi abbracci sempre,
    tanto,
    con questa tua arte
    delle parole che
    hanno dentro
    il senso della vita.
    Un canto un bacio.

    “mi piace molto, però , la magia della tua voce che esplora le parole della tua poesia”..( Enzo )

  3. anni fa ad uno dei gloriosi festival di s.arcangelo di Romagna avevo conosciuto sia Tonino Guerra che Testori. vite diverse ma grandi persone e grande genio. ogni tanto ascoltando la tua voce che racconta le parole mi vengono in mente loro…. l’ultima volta che ho visto Tonino Guerra, eravamo seduti ad un bar e con la sua voce calda e lenta mi raccontava di Fellini e dei propri amori nell’allora Unione Sovietica- poi più avanti ci sentiamo perché questo tuo radicamento sul territorio, questo tuo lavoro sulla parola con questo affascinante dialetto arcaico, questo lavoro sulla voce sono assolutamente da esplorare. ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available