pestolic…

a strózech
‘n de ‘l rìo tut carùgen
coi pèi fin gió ‘n font
‘n de nugole…
sabia
balòti lustràdi
e i rìdola,
tondi,
a giugàr co le pés

‘n de i dédi ‘mpizàdi
diaolìni de föc
e segni su l’àqoa
a sfondarse pan pian
vers la möia
dré, ‘n rider matèl
che ‘l rembómba, balòss,
lassà che ‘l se cùnia
su ‘n schena a na föia
che gira, ‘mbriàga,
la fa molinèi

Giuliano

passi

a strascico | dentro il rivo di cenere | con i piedi immersi sul fondo | di nuvole… | sabbia | sassi lucidi | che rotolano, | rotondi, | a giocare con i pesci | nelle dita infiammate | un rovente dolore | e segni sull’acqua | che affondano piano | verso l’ansa | dietro, un ridere bambino | che rimbomba, balordo, | lasciato a cullarsi | in schiena ad una foglia | che gira, ubriaca, | diventa gorgo

Per l’amico Enzo Cecchi e la sensazione di quella foto sul fiume…

questi segni sull’acqua lasciati dai piedi a perdersi sul fondo… è una bella sensazione

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

l’odor de le parole

de che saràle fate le paròle
che ne scampa för dai làori screpolàdi
sfondandose dent gréve ‘n de penséri,
maledeti o fòrsi bèi, ‘ngropadi ‘ndòss?

magari sol de aria che se ‘mprènde
al smolinàr del vènt de tramontana
lasandose cunàr su ‘n na sbalanza
de sóghe a sbrindolon senza na rama

tacàde, sol a qoél sentirse gènt
che se delibra ‘n sgoi coi pèi par tèra
o néo a ridolarse gió ‘ n de ‘l tó
par delevar subiènt a ‘n sgiànz de sol

sarale fòrsi aqoa ste paròle
se pò le lassa sgrìfi fondi dent
e resta odor de gnào ‘n de i sogni mèi?

Giuliano

l’odore delle parole

di cosa saranno fatte le parole | che ci scappano dalle labbra screpolate | affondando grevi nei miei pensieri, | maledetti oppure belli, annodati addosso? | magari è solo aria che si rapprende | al macinare del vento di tramontana | lasciandosi cullare su un altalena | di corde a brandelli senza nessun ramo | appese solo a quel sentirsi persona | che si libera in volo con i piedi appoggiati al terreno | o neve che rotola sul pendìo | per sciogliersi appena si presenta un raggio di sole | saranno forse acqua le parole | se poi lasciano dentro solchi profondi | e rimane quell’odore di stantìo nei sogni miei?

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

baticör…

mi vorìa gavérghe àle che me làghia slizolàrme,
‘ntant che sùbia ‘n rèfol tébi, sul remór del ghìrlo sùt
parché ‘l smàchia ‘l cör, selvadech, eguàl che i sassi ‘n la brentina
a smondolarse e vegnìr tondi, ‘n na sonada a òrghen serà

e sentirme svöidà dent, de qoéi crùzi che i dezìpa
delibrà su l’or del tómol, istess che arnài pogià sul vènt

mi vorìa gavèrghe àle par lassarme nar su sóra
a scoltàr l’umor dei òmeni ‘ntant che ‘l vis’cia ‘n taser frét
par tör för sol qoéla voze che la ‘nzìspa i ‘nsòni mèi
e co i òci ‘mbarlumadi da ‘n cossìn con sol na bùsa

sentìr sol cafè sul bói

Giuliano

vorrei avere le ali ché mi permettano di scivolare/mentre fischia un refolo tiepido, sul rumore del turbine asciutto/perché il mio cuore batta, selvaggiamente,come i sassi durante la piena/che si smussano arrotondandosi, in un suono senza strumenti/e sentirmi svuotato dentro, da quei crucci che rovinano la vita/liberato sull’orlo della collina, come falco appoggiato al vento/io vorrei avere  ali per lasciarmi andare in alto/ad ascoltare l’umore degli uomini mentre bacchetta un silenzio freddo/per tirare fuori solo quella voce che scombussola i miei sogni/e con gli occhi abbagliati da un cuscino sgualcito/sentire solo il bollore del caffè

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

medemaìstro…

l’è dì de boidóri
su l’or dei campi arsi
arènt le strade negre
de catram broènt ‘mprendù
e ‘l me ‘mpieniss el nass
l’odor de amar
da tuta sta erba pàssa
caréza ai làori suti
saór de ‘nziàna
grìs
ma dent ‘n de i òci
resta ‘ncor seren

Giuliano

assenzio…

sono giorni di calura/sul limitare dei campi arsi dal sole/vicino alle strade nere/di catrame bollente rappreso/e mi riempie il naso/il profumo amaro/di tutta quest’erba appassita/carezza alle labbra asciutte/sapore di genziana/grigio/ma dentro gli occhi/rimane ancora il sereno

è un periodo amaro per la nostra storia…
è una sensazione appiccicosa quella di questi giorni e non riesco a descriverla in altro modo…
resta la speranza

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

el babào…

co la lum de l’abasùr, sbrìgol de stéle
se stremìsse anca ‘l babào da dré l’armar
e ‘l se scònde ‘n de na storia de putàti
che oramai encöi en dì no i crede pu

come ‘n biss el se stirona ‘ntrà le sfése
de ‘n murét fat sù su l’or par far na pòlsa
pò ‘l se ‘mbusa live arènt a tènder cèt
che valgun se sèntia gió  e tondàrsel su

‘l gà qoei òci che ‘mbarluma e ‘l ride dolc
co ‘l sò fis’cio en na cantada ‘l te sdindòna
el se slìssa co la pèl che taca sgnèca
pò l’infern devènta adès, sgrifando font

l’è na bestia e ‘l te destrìga föra l’ànema
e valgun g’à ‘n ment che fusti ‘n paradis

Giuliano

con la luce dell’abat-jour, luccicore di stelle,/si spaventa anche l’uomo nero dietro l’armadio/e si nasconde in una storia di bambini/alla quale nessuno crede più/come una biscia si strira tra le sfése/di un muretto costruito per riposarsi/poi si nasconde in un buco, lì vicino, in attesa/di qualcuno che si sieda per irretirlo/ha quegli occhi che ti abbagliano e ride dolcemente/col suo fischio ti culla in una canzone/e si struscia con la pelle che appiccica, molliccia/e poi l’inferno appare adesso, graffiando dentro/è una bestia che ti distrugge l’anima/e qualcuno pensa tu sia in paradiso

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

mal…

qoéla sera la mè ciòca la piangeva
sóta i dédi che i sgolàva a carezàrla
ma de dént el sanch ‘n de ‘n brèghel, grisantèmi
gh’èra come na sorgìva a ‘mbarlumàrme

i penséri, sbalegiàdi, i sdindonàva
su le màcie de sonada sóra ‘l fòli
tràte lì, una dré l’altra come osèi
sora i fili ‘n dì de aotùn che smòrza ‘l sol

come róndole che spèta l’ùltim viàc
l’èra note a scarmenón sul ciel tut grìss
ma sul mantes che l’usmàva ‘ncor en valzer
è crodà qoél goc de mì, perdù a sonàr

l’è na sféssa e la se avèrge su la chìpa
par aidàrme a desmissiàr ‘l mè cör che möre
cògno sol vardar de méterghe le ónge
e pò i braci i tegnerà fin tant che spéngio

mi me resta ‘nde ‘l mè viver qoél saór
de ‘na fràga che è nasùda a l’ombra tébia
e ‘l pensér che gh’è valgùn che scolta cèt
anca qoande perde i spini, ‘l làres, sol

Giuliano

quella sera la mia fisarmonica piangeva/sotto le dita che volavano in una carezza/ma di dentro il sangue che urlava, crisantemi,/c’era una sorgente che mi abbagliava/i pensieri, calpestati, dondolavano/sulle macchie di suonata sopra il foglio/buttate lì, una dietro l’altra come uccelli/sopra i fili di un autunno che spegne il sole/come rondini in attesa dell’ultimo viaggio/erano note alla rinfusa nel cielo grigio/ma sul mantice che rincorreva quell’ultimo valzer/è caduta quella goccia di me, intento a suonare/è uno spiraglio che si apre sulla china/per aiutarmi a risvegliare il mio cuore moribondo/devo solo cercare di metterci le unghie/e poi le braccia mi sosterranno finché spingerò/mi rimane dentro il vivere il sapore/di una fragola che è nata all’ombra tiepida/ed il pensiero che qualcuno che mi ascolti in silenzio/anche quando perderà le spine, il larice, solo

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

la bedóla…

e cròda tute le sò giàlde föie
sul terzaröl, lassà marcir sul prà,
desmentegà da man ‘nfizàde
restade, stràche, dent da l’ùs
a ciùtar för dai védri grìsi
l’aotùn che slarga ‘l sò linzöl
color de ciànti de zigàineri
a ‘mpituràr la nòssa vita
de sonade e de smarlòssi
ma ghe s’è crepà ‘n ram
e l’èi restada lì sul tómol
con la sò fèrla che ll’aùta
a corér sol en atimo de pù
en vèrs la fin co i sò penséri

e a mi me resta ‘n ment la ciòma bionda

Giuliano

la betulla

cadono tutte le sue foglie gialle
sul settembrino, lasciato marcire sul prato,
dimenticato da mani raggrinzite
rimaste, stanche, dietro una porta
ad occhieggiare dai vetri grigi
l’autunno che cala il suo lenzuolo
colore dei vestiti degli zingari
a colorare la nostra vita
di suonate e serrature
ma le si è rotto un ramo
ed è rimasta lì sul dosso
con la sua stampella che l’aiuta
a correre ancora per un attimo
verso la fine con i propri pensieri

ed a me resta nel cuore la bionda chioma

ci sono delle cose che ad un certo punto sono impossibili da fermare…

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

la stadéra…

al mercà de sta matina su la piaza de la Lupa
la me dis la gragolòta che a l’encànt gh’è i nòssi ensògni
e i li svòltola bèn bèn a esibìrnei sul banchét

valgùn cìga e ‘l cònta slòfe e ‘l se ‘nzispa sora ‘l prèzzi
po’ tacada al ciòdo rùgiol, cèta tuti la stadéra
la soména la sentenza e ‘l tacuìn l’è sèmpro avèrt

tira gió, méteghen sóra, ciàpa i schèi ‘mpienìssi ‘l cest
salta för en poliziòt che ‘l li para tuti a casa
“chi se vende de trafùgo le reson de pöra gènt”

m’è rèsta ‘n de man la bólga che ghe védes för entrà
la scarsèla l’èi svöidada, i mè ‘nsogni gió ‘n le àraz
e qoél un che ‘l me ‘ncantàva l’ài gatà ‘n piàza del Dòm

coi santini da elezion

Giuliano

al mercato questa mattina sulla piazza della Lupa
mi racconta la radiolina che ci sono i nostri sogni all’incanto
e li girano bene per metterli in bella mostra sul banco

qualcuno grida e racconta balle e si infervora sul prezzo
poi attaccata ad un chiodo arrugginito, calma tutti la stadera (bilancia)
lei pronuncia la sentenza ed il portafoglio è sempre aperto

togli li, mettine ancora, prendi i soldi e riempi la cesta
salta fuori un poliziotto che li manda a casa tutti
“qui si vendono di contrabbando le ragioni della povera gente”

mi è rimasta in mano la borsa che è sempre vuota
le tasche svuotate, i miei sogni nelle cassette
e quello che me li voleva vendere l’ho ritrovato in piazza Duomo

con i santini elettorali

Alla fine la stadéra si rivela strumento adatto all’imbroglio…
il modo di tenerla, la possibilità di “ritoccare”, tutto diventa molto “personale”
ma non voglio incolpare quella povera bilancia

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

doman…

vegnerà ‘l vènt, zidiós
a strozegarse dré le me’ patùrnie
tacade su qoél pìciol cesonàt
che ‘l rìdola de prèssa
‘n mèz la strada, de ligante, tuta a buse
e po’ ‘l se ferma, rebaltà
sfondà gió ‘n smöia
‘n de na busa dré la curva
póza de làgreme de nùgole
spavènte
scampade via lontàn lassando chi
le sò passión rebùfe
e pian le se deléva

Giuliano

verrà il vento, fastidioso
a trascinarsi dietro i miei crucci
attaccati a quel piccolo cespuglio
che rotola velocemente
in mezzo alla strada, di sassi bianchi, tutta a buche
e poi si ferma, capovolto
affondando in ammollo
in una buca dietro la curva
pozza di lacrime di nuvole
timide
scappate via lontano lasciando qui
le loro burrascose amarezze
e piano svaniscono

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

destìn…

el se sbalanza a la sò sbava tacolènta
zercando de fermarse su na rama live a ‘n paš
fasèndo ‘n slinch pù lònch autà dal vènt
apena ‘n momentìn prima che ‘l zédia
e ‘l fil tacà su ‘n spin no ‘l se scavézia

e ‘l torna a ‘ntortolarse a ‘n ram pu baš
e gió che ‘l se sdindòna al ciàr de luna
sui sgiànzi de qoél bòzol fis ‘n de ‘l ciel
calando drit soliènt ‘n mèz al digör
postandose su ‘n fior che ‘l lo ‘mbarluma

po’ s’ciòca sgoèlt vargot che ‘l se lo ròba
l’è sta ‘n ciavàt en pàisa e ades el canta
e resta sol qoél fil spórch de rosàda

Giuliano

si dondola alla sua bava attaccaticcia
cercando di fermarsi su di un ramo li ad un passo
facendo un salto più lungo aiutato dal vento
appena un attimo prima che si fermi
e che il filo attaccato ad una spina non si spezzi

e torna ad attorcigliarsi ad un ramo più in basso
e più giu a dondolare al chiaro di luna
sui raggi di quel bozzolo fisso nel cielo
calando solo direttamente in mezzo al fieno d’estate
fermandosi su un fiore che lo abbaglia

poi schiocca svelto qualcosa che lo porta via
è stato un rospo in agguato, che adesso canta
e resta solo quel filo sporco di rugiada

il filo del destino è appeso ad un appiglio delicato e possiamo utilizzarlo per lasciarci cadere su un fiore o su un ramo o rimanerci attaccati finché succede qualcosa di inaspettato…

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

na sonada…

gài en ment el sòn del rìo che sgrìfa font
e ‘mpienìs del sò susùr la val che pòlsa,
sento slòiche tormentade ‘n mèz le möie
‘ntant che l’aqoa vis’cia i saši ‘n na careza

son chi sol che vardo ‘l vent postà su l’onda
col saor de sal ‘mprendù  tacà su i làori
misìa dent ‘n la sbòfa sgionfa a far caprìzi
che ‘l me canta la so’ storia  e no l’è ‘l rìo

salta för canzon che par campane ‘n festa
soga a sbalz de ‘n ceregòt che se sdindòna
e po’ lasade che le vàghia a se smorzàr
come ‘l vènt de tramontana co i so’ sgrìsoi

l’è sirene che me ‘nrapola i penséri
le se ‘n và, le torna ‘n dré e po’ via lontan
sqoasi ‘l fus na nina nana a ‘n matelòt
‘mbarlumà dal sol che sfonda ‘n mèz al mar

Giuliano

ho in mente il suono del rivo che graffia profondamente
e riempie con il suo grido la valle che riposa
sento filastrocche tormentate in mezzo alle pozze
mentre l’acqua sferza i sassi con una carezza

sono qui da solo che osservo il vento appoggiato all’onda
col sapore di sale intriso che si attacca alle labbra
mischiato dentro la schiuma gonfia e capricciosa
che mi canta la sua storia e non è il rivo

ne escono canzoni che sembrano campane a festa
fune a sbalzo di un chierichetto che si dondola
e poi lasciate che si stanchino da sole
come il vento di tramontana con i suoi brividi

sono sirene che aggrovigliano i pensieri
se ne vanno, tornano indietro e via lontano
come fosse la ninna nanna ad un bambino
abbagliato dal sole che affonda in mezzo al mare

ho ascoltato il suono della risacca e ho cercato di ritrovarlo nel suono dei rivi delle nostre valli, ma l’aiuto del vento trasforma il canto dell’acqua in una melodia ammaliatrice che sembra una ninna nanna. I nostri rivi nei momenti di calma fanno lo stesso, solo che il rumore resta costante e si fonde col silenzio dei luoghi che viviamo.

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

fotografie…

l’ài scontrà ‘n mèz al mirìn de védro nét
l’ agolìn che ‘l feva tonde sora ‘n arbol
brustolà fòrsi da ‘n tòn crodà li arènt
e pu ‘n su ‘l sgolàva, péš perdù ‘n ‘l azùr

l’a fat come na sfragnòcola l’argàgn
e ‘n busnàr de ào che sgola à ferma ‘l bel
dent scondu de dré  da ‘n vedro ‘n na pitura
töta gió par esibirmela geloš

l’è li ancor che ‘l se sdindòna sora ‘l vènt
e ‘l me ride föra come ‘n pör sgalèmbro
tant che ‘n pauper che se crede averghel sò
con  en click che ròba ‘n atimo e po’ gnent

Giuliano

l’ho incontrato in mezzo al mirino di vetro pulito
il falco che girava in tondo sopra l’albero
bruciato forse da un tuono caduto vicino
e verso l’alto volava, pesce perduto nell’azzurro

ha fatto come uno schiocco l’attrezzo
ed il ronzio di api che volano ha fermato il bello
nascondendolo dentro, dietro un vetro in un dipinto
eseguito per metterlo in mostra gelosamente

è ancora li che si dondola sul vento
e mi deride come fossi un povero cristo
o come un illuso convinto di averlo catturato
con un click che ruba un attimo e poi niente

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

tèi, ànema…

tèi, ànema

ti che sès i mè penséri
vèi chi e bala ‘nsèma a mi
destrigandome pasion
desmentegade ‘n de i tò òci
e pò lasa le bolìfe che sia lum
‘mpizàde ‘mpò,
daighe ‘n soldo al sonador
che ‘l ne ‘n sònia una depù
e pò cònta chiche ès ti
co i tò làori odor de pèrsech

tèi, ànema

Giuliano

tu, ragazza

tu che sei i miei pensieri
vieni e balla assieme a me
distruggendomi la passione
dimenticata nei tuoi occhi
e lascia che le faville siano luci
sempre accese,
dai un soldo al suonatore
che ce ne suoni ancora una
e poi  racconta chi tu sei
con le tue labbra odor di pesca

tu, ragazza

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

la stramèza…

i l’à tirada su de prèša, svérgola
par seràr för el vènt da dré ‘l canton
tirada a sfratazìn che la fus rùstega
lasando dré scondù ‘n armàr encarolà

de dent ‘n de ‘n cašetìn laša davèrt
la foto de valgùn che no è pù chive
e sora i pizi a fiori de bombass
gh’è polver che negùn scarerà gió

i à dit che la serviva a star pu bèn
parché ‘l susùr el stàga för dal pòrtech
ma mi qoela stramèza sul bochér
la m’à smorzà ‘n bèl pöc i mè recòrdi

e aéri con doi crèpi ài fat tut lùstro
de nöo l’à tirà ‘l fià ‘l canton dei cospi
e qoél saor de gnào ‘mprendù de dent
l’à ‘mprofumà la fràona ‘mprèša sguèlt

enšìn en ragn dai soldi ‘mpresonà
el s’à fermà par dir le sò reson
soliènt  lì sul canton de la rebàlza
o fòrsi ‘mbarlumà dal sol feruscol

ma dent lì su l’armàr na terlaìna
preson par en moscàt dal sgol balèch
metuda lì da el par esibirla
tacada arènt ai spìzi a farghe l’or

Giuliano

Vorrei che queste “stramèze” fossero una possibilità di scoperta e non un ulteriore chiusura.
In fondo, nonostante il muro, qualcosa dietro lavorava  ancora: un piccolo ragno a finire un pizzo a modo suo.

la tramezza…

l’hanno tirata su di fretta, sbilenca
per tener fuori il vento da dietro l’angolo
smaltata col frettazzo che sembri rustica
lasciando dentro nascosto un armadio tarlato

di dentro in un cassetto lasciato aperto
la foto di qualcuno che non c’è più
e sopra il pizzo a fiori di bambagia
c’è polvere che mai nessuno pulirà

hanno detto che servisse a stare meglio
perchè il rumore rimanga all’esterno
ma a mio parere quella tramezza sul varco
ha spento molti dei miei ricordi

e ieri con due colpi ho fatto luce
ha preso aria di nuovo l’angolo degli zoccoli
e quel sapore di chiuso impresso dentro
ha improvvisamente profumato il vicolo

persino un ragno dei soldi prigioniero
si è fermato per dire le sue ragioni
solingo sull’angolo della botola
o forse abbagliato da un raggio truffaldino

ma dentro sull’armadio una ragnatela
prigione per un moschino dal volo instabile
messa lì da lui in bella mostra
attaccata vicino al pizzo per fargli l’orlo

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

vèci…

i sghigògna se no i óngeš
coi sperèi lašadi al vènt
empiantàdi a na telàra
che l’èi stràca dei ninàr

bate l’ùs e i tira ‘n brèghel
sento fòrt l’odor de cà
doi man vèce sgropolóse
sera ‘n vedro e va gió ‘l sol

Giuliano

cigolano se non li ungi
con le finestre abbandonate al vento
aggrappate ad un telaio
che sembra stanco di cullarle

batte l’uscio e qualcuno grida
sento intenso il profumo di casa
due anziane mani, nodose
chiudono il vetro ed il sole tramonta

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

travòlti…

l’ài gatà soliènt, cucià, a ciaceràr cole genziane
rebaltà sora ‘l sintér coi sò rami ancora verdi
tut entórn i boton d’òro che i cantava l’angonìa
e la dàsa stofegàda a sfregolàrse sul brocón

se sentiva odor de ràsa, de šànch biót emprofumà
ultim sbròch de avéz che piange, tràt lì ‘n tèra a svoltolon
m’ài sentà lì arènt tasèndo a scoltàr pašión ‘mbombìde
sora ‘n ram gh’èra ‘n crosnòbol a fis’ciàr le sò orazion

l’à piangiù par tut el dì, somenàndo ‘ntorn le làgreme
pò da sót gió ‘n vèrs la val vèn su un con na manàra
el se rampega pan pian, pò ‘l se ferma e ‘l tira ‘l fià
el se ‘mpiza su na ghèba, gió doi crèpi e tàse tut

Giuliano

l’ho trovato solo, piegato, a chiacchierare con le genziane
capovolto sopra il sentiero con i suoi rami ancora verdi
tutto attorno i botton d’oro che cantavano le litanie
e la frasca soffocata a strusciarsi addosso all’erica

si sentiva odore di resina, come di sangue profumato
ultimo strascico di abete morente, riverso a terra
mi sono seduto vicino in silenzio per ascoltare passioni intense
sopra un ramo c’era un crociere che fischiava le sue preghiere

ha pianto per tutto il giorno, seminando intorno lacrime
poi dalla valle giù sotto  sale uno con un ascia
si inerpica piano piano poi si ferma e tira il fiato
si accende una sigaretta, poi due colpi e tutto tace

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

faimalón…(quasi un racconto)

sota ‘l pòrtech de scondón vesìn al Bóra
cole braghe de fustàgn fin su ai ghinòci
sula porta del vòlt grànt seràda a ciào
el Mentìn l’à tirà för doi nazionài

sofranèi i aveva mi gió ‘n la scarsèla
gh’era ‘l Gufo che ‘l tendeva, dré ‘l canton
e par veder se èren grandi come i altri
l’è sta subito na ghèba e bosegàr

na tirada ‘n pöc par un e sternudàde
che vegniva su de sò la colazión
slagrimàde för da i òci ‘nfumegadi
e pò ‘n brèghel, gh’è valgun, pàša l pistór

el ne varda e ‘l se la ride, l’è ‘n bòn òm
e pò ‘l gira via gió sot vers al stradón
doi tirade,  na scotada e i làori sgiónfi
sènto ‘n zifól, l’è mè pare gai da nar

me presento ‘mprèša a cà, dent par el bar,
gh’è lì ‘l nono che ‘l fenìš na briscolòta
el me ciàma live arènt che me sentàš
‘l fa le carte, ‘l le da för, l’à ‘n man na ghèba

pò ‘l me varda e col sò far da sora ‘n giò
el me slònga li ‘l pachet e ‘l me susùra
“se te par de èser en òm pìpela chi,
de scondòn se va a robàr, brut faimalón”

GIuliano

sotto il portico di nascosto vicino al “Bora”
con i pantaloni di velluto fino alle ginocchia
sulla porta dell’avvolto chiusa a chiave
il “Mentìn” ha tirato fuori due Nazionali

gli zolfanelli li avevo io in tasca
e c’era il “Gufo” appostato, dietro l’angolo
e per verificare se eravamo veramente adulti
subito una sigaretta e tosse da impazzire

una tirata un pò per ciascuno e tanti starnuti
che sembrava di vomitare la colazione
lacrime dagli occhi riempiti di fumo
e poi un urlo, viene qualcuno, passa il fornaio

ci guarda e sorride sotto i baffi, è una brava persona
poi gira l’angolo e si avvia verso lo stradone
due tirate, una scottata e le labbra che si gonfiano
sento un fischio, è mio padre devo andare via

mi presento velocemente a casa, passando per il bar,
c’è mio nonno(Diaolin) che finisce una briscoletta
e mi chiama perché mi sedessi vicino
fa le carte, le da ai giocatori, ha in mano una sigaretta

poi mi guarda e con il suo modo da despota
mi allunga un pacchetto e mi sussurra sottovoce
“se pensi di essere un uomo fumala qui,
di nascosto si va solo a rubare, brutto malandrino”

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

bale…

sarìa bastà sol na caréza
pogiàda al zuch, lustro, de préda
sul campìgol de cavèi arbandonadi
o ‘n sofi tébi ‘n de na récia
che susuràs che šès chi arènt
sentada a l’or dei sogni mèi
entant me ‘nmùcio le parole
en sföi de carta ‘nrapoladi
come giòmi da sgartiàr

doi sgrìfi, roši
fòrsi negri o gnènt en tut
pò giugo a ‘ntrifàr drit
el bus del šécio ‘n de ‘l canton
tirar balòte che no ‘l sai se ‘l sia bosìe
spariše tut för da la ponta de  qoél lapis
sèmpro parole, sol manìpoi
par sugarme gió la rógia
gomér su le mè gàlte

a roncàr font

Giuliano

sarebbe bastata solo una carezza
appoggiandola alla testa, lucida, e dura
sul pascolo sfoltito di capelli
od un tenue soffio in un orecchio
che raccontasse della tua presenza
seduta al bordo dei miei sogni
intanto ammucchio le parole
su fogli di carta appallottolati
come gomitoli da dipanare

due graffi, rossi
forse neri o niente in tutto
poi gioco a fare centro
nel cestino all’angolo
tirando palline che non so se siano bugie
scompare tutto attraverso la punta della matita
sempre parole, solo fazzoletti
per asciugare quel rigagnolo
vomere sulle mie guance

che scava profondamente

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

resurezión…

ma mi che pašo a pè för da la croš
e vardo qoel pör òm tacà su a ‘n ciòlt
me digo se dalbòn šèrvia dói legni
e ‘n cristo dezipà a vardàr ennanzi

l’è tut na magnarìa sora ‘l dolor
che fà de sta pašion  na bròca spìza
par farne angoràr fiš en paradis
e su sta tèra gnènt vanzà de dolc

resurezión, l’à dit, l’òm bachetà,
e fòrsi che ‘l voleš crepàr par ultim
ma i mè paroni e i töi i ne völ cuciàdi
ché gènt felìze rédene no i gà

e tuti a recordàrse sta crosàra
‘n de strade che fenìs su l’ert, ‘mpontà
pò vis’cie che le zìfola, saéte,
bestéme e musi fondi ‘n procesión

no sai se ‘l siore Dio l’à sià sta ziéra
che pò aldelà ‘l sarà tut sol e mar
ma chiche à vist el snöbel dré la croš
l’à cernì giust da star dré ‘l manech tont

Giuliano

io che passeggio a piedi nei pressi della “Croce”
ed osservo quell’uomo attaccato ad un chiodo
mi chiedo se davvero servano quei due legni
ed un cristo sfigurato per avviarci verso il futuro

è solo un mercato (magna-magna) sul dolore
che rende questa passione un chiodo appuntito
per farci desiderare intensamente il paradiso
che su questa terra non è restato nulla di dolce

resurrezione, ha detto l’uomo che è stato punito
e forse avrebbe voluto essere l’ultimo a morire per questo
ma i miei ed i tuoi padroni ci vogliono sottomessi
ché la gente felice non ha briglie

e tutti a ricordarsi di quel crocevia
in strade che finiscono per essere ripide
poi fruste che fischiano, saette,
bestemmie e visi cupi in processione

non so se il signore Dio abbia messo questo limite
aldilà della quale tutto sarà sole e mare
ma quelli che hanno visto il bastone dietro la croce
l’hanno scelto per tenerlo dalla parte comoda del manico


Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

cöri de tìa…

la rógia a l’aqoa bòna la fà còcoi
corèndo sguèlta a pirli ‘n mèz ai saši
e i félesi, cortèi, che i crése ‘n lònga
i la strénge ‘n na musìna, a braciacòl

el cùco ‘l canta fis na vècia slòica
‘n scarsèla me  sdindona na monéda
i dis che al sò prim cant pòrtia fortuna
en gabanòt par man, schèi a balon

ài vist crodàr dal témbel na foiéta
e come na trivela nar gió ‘n trà
su ‘n maz de genzianèle ‘mpituràde
che le sbianchégia ‘l prà de ciel patòch

la vita mèa l’èi come qoela föia
portada a spas en schena da la rógia
‘mpontàda lì su l’ór a precipizi
de ‘l tèmp che no ‘l palésa i sò mistéri

la tègno struca come ‘n ram de acàz
coi fiori söi che i sa de mel pu dolcia
e i spini che i se ‘mpianta ‘n pöc pu fondi
scondudi dré qoél vért de primavera

pan pian vegnirà nòt,
canterà ‘l béghel

Giuliano

cuori di teda()

la roggia all'”acqua bòna” fa le bolle
correndo veloce a guizzi in mezzo ai sassi
e le felci, coltelli, che crescono lì attorno
la stringono come un salvadanaio, abbracciandola

il cuculo canta forte la sua vecchia tiritera
nella mia tasca il suono d’una monetina
dicono che al suo primo canto porti fortuna
avere un denaro in mano, soldi a bizzeffe

ho notato una foglia cadere dal sorbo
e come una trivella intrufolarsi
tra un gruppo di genziane colorate
che pitturano il prato di intenso cielo

la mia vita è come quella foglia
portata a spasso in schiena alla roggia
sospesa sull’orlo di un precipizio
di un tempo che non mostra le sue volontà

la tengo stretta come un ramo d’acacia
con i suoi fiori che sanno di miele dolce
e le sue spine che si piantano un po’ più fonde
nascoste da quel verde che pare primavera

piano piano scenderà la notte
canterà il gufo

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

el cuciarìn…

el gira e ‘l tonda e ‘l par che ‘l bàlia ‘n ponta
pò ‘l ferma lì su l’or e ‘l sgócia la sò làgrema
che ‘n gió, pan pian rogièla ‘n mèz al brö

e avanti ancor doi bài e ‘l rónca fónt
che gh’è ‘n giarèl festìdi sota i cóspi
slišàndose pu ‘n gió che ‘l se desfàntia

cunà da man presón de fìze rùsteghe
l’encòntra ‘n baso tèndro a farsel sò
par ensaorìr de mél, làori de stèla

‘l se sente qoél calor deventàr strach
man man che i dì i se strózega a la nòt
e ‘l resta ‘n pel pu sol ‘n de ‘l cašetìn

ancöi l’è paša un vestì da plào
e gh’era anca le chìchere da festa
co ‘n resentìn de sgnàpa sora i pìzi

no ‘l sa se è feni ‘l zùcher pròpi adès
ma i l’à lasà li sol, sqoàsi ‘n dispèt
a el che avrìa volèst bagnarse el bèch

i à dit che ghe fa mal ‘ngiontàrghe dolc
bisòn tegnìrse ‘ndré che parte ‘l cör
ma ‘l sò, no i se ‘l recòrda pu negùn

Giuliano

gira e gira e sembra che balli sulle punte
poi si ferma lì sull’orlo e lascai cadere una lacrima
che scende delicatamente fin dentro il brodo scuro

ed ancora due balli e gratta in fondo
che c’è un granello che da fastidio sotto le scarpe(zoccoli)
lisciandosi più giù affinché si sciolga

cullat da mani, prigioni di rughe antiche
incontra un bacio tenero a farselo suo
per insaporire di miele labbra di corteccia

e sente quel calore diventare stanco
mano a mano che i giorni si affaticano alle notti
e rimane un pò più solo nel cassetto

oggi è passato uno col vestito bello
e c’erano pure le tazze da giorno di festa
con una bottiglietta di grappa appoggiata sopra il pizzo

non sa se è finito lo zucchero proprio adesso
ma l’hanno lasciato solo, quasi per dispetto
a lui che avrebbe voluto bagnarsi il becco

hanno detto che fa male aggiungere dolcezza
bisogna trattenersi che il cuore ne risente
ma del suo non se ne ricorda più nessuno

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

varda ti…

sul scafàl dedré dal banco co ‘l formai spuzón da ‘n ént
gh’è ‘n peclìn ‘mpicà a ‘n rampìn a ‘mpestàr de odor stadìc
quatro scatole de pasta trate lì a la bòna, ‘mpè
na stadéra e na balànza con i numeri limàdi
e la sfiéta sìn e sàn la Berkèl, la par na siora
tuta roša e ‘mpituràda con na röda che la slùse
e la slìzega si ‘mprèša che la tàia anca ‘n cavèl

gh’è lì un che ‘l da för ciòpe ‘nframezàde a ‘n sgombro ónt
con na slìnza de qoél mòl a ‘nsaorìr matìne gréve
pò ‘l se sènta arènt al banco con sul tàolo na bicéra
aqoaröl vanzà ‘n la bot, par manìpol l’asenèl
i ghe dis “slònga na bòza” e ‘l la tira för da sóta
doi rutèi e ‘n cich pù fòrt e l’entòna na canzon
tuti i ride e i fa na rèsta elo ‘l paša e l’érge ancor

e qoél un col sò panèt el ghe dis “fàme gió ‘l cònt”
“varda ti, l’èra na ciòpa con na lèca de qoél vért”

Giuliano

sullo scaffale dietro il banco assieme al formaggio puzzone dalla valle alta
c’è un aringa affumicata impiccata ad un rampino ad ammorbare l’aria
quattro scatole di pasta buttate lì come venivano, messe in piedi
una stadera ed una bilancia con i numeri limati
e lei affetta sin e sàn la Berkèl, sembra una signora
tutta rossa e colorata con una ruota che luccica
e  scivola così rapida che taglia anche un capello

c’è una persona che distribuisce michette riempite con dello sgombro unto
ed un pezzo di formaggio molle per insaporire mattine dure
e poi si siede vicino al banco con un bicchiere sul tavolo
vinello avanzato nella botte e per tovagliolo l’asinello(il giornale)
qualcuno grida “allunga una bottiglia” e lui la estrae da sotto il tavolo
due rutti ed un grido più forte ed intona una canzone
tutti ridono e bevono d’un fiato, lui passa e riempie ancora i bicchieri

e quel tale con il suo panino gli chiede di fargli il conto
vedi te, era una micchetta con un pochino di quello verde(gorgonzola)

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

bata…

come qoànche te se sfonda i pèi sul tèndro
co’ l’usmàr saorì del piöver ‘n de na póza
‘mprofumàda da na vóze che la canta, orlòi sinzér
par fermarse e pò scampàr e, man a man tornar de vòlta

campirlòti, schiramèle e na pirècola ‘n de ‘l ciel
le se sgiónfa berechìne strozegàde sóra ‘l vènt
pò le pòlsa a pianger fiš sóra i nòsi crùzi grévi
par netàrli ‘n pöc par föra ché par dent negùn diš gnènt

ghe n’è una pròpi lì, su dré ‘l mont che la fà ociéti
la se scònde su la cima par giugàr a scondiléoro
dré ‘n avéz da i rami séchi con en nìo pogià al stravènt
l’ài gatada anca stavolta ma la s’è pišada ‘ndòs

mi no sai se è stà ‘l spavènt ma de ‘n colp l’èi bianca s’cèta
e la córe ensèma al vènt vers la nòt che se arvesìna
l’èi ciaròta e la par bata che te vèn da darghe ‘n baso
ma la scampa, éla, zevìla, gh’è la luna è l’è tut  sò

Giuliano

come quando ti affondano i piedi nel morbido
con l’odore forte della pioggia in una pozzanghera
profumata da una voce che canta, orologio sincero
per fermarsi e poi scappare e ritornare sui propri passi

balzi, capriole ed una giravolta nel cielo
si gonfiano birichine trascinate sopra il vento
poi riposano a lacrimare sopra i nostri crucci grevi
per pulirli in superficie ché di dentro a nessuno importa

ce n’è una proprio lì, dietro il monte che fa l’occhiolino
si nasconde sulla cima per giocare a nascondino
dietro un abete con i rami secchi ed un nido esposto alle intemperie
l’ho trovata anche stavolta ma si è fatta la pipì addosso

non so se sia stato lo spavento ma d’un tratto è tutta bianca
e corre insieme al vento verso la notte che si avvicina
è tanto chiara e sembra cotone e vorresti baciarla
ma scappa, lei, altezzosa, c’è la luna e tutto diventa suo

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

ics

l’è già da ‘mpò che gài en ment qoel ségn
metù ‘ntrà mèz a mi e i mè desidèri
sgrifà su ‘n tòc de carta de scondón
de dré da na tendina repezàda

na sdréla de paròle a molinèla
de för da ‘ndoche nén a resonàr
le m’à cònta qoél ben che i völ par noi
promese scrite a voze sora ‘l vènt

e pegore che core a fieteràrse
coi cagni a rosegàrghe le noséte
gaven en ment na fàcia che ne piàš
ma vanza sol en sgrìf che ‘l par na cróš

l’è qoel che i dis che ‘l fus la libertà
nar dent come i putàti faimalóni
con qoel che n’è restà del nòs taliàn
‘gnoranti come pàiti a far na ICS

a che ne serviràl studiàr da scrìver
se pò lì sul pu bèl che ‘l doprerìsen
de tut qoél alfabeto fat su a gèsti
cognén dopràr la létra che no gh’è?

Giuliano

è da un pezzo che ripenso a quel segno
messo li in mezzo a me ed i miei desideri
graffiato su un pezzo di carta di nascosto
da dietro una tendina rammendata

una raffica di parole di contnuo
fuori dal posto dove andiamo a dire la nostra
mi hanno raccontato delle cose belle che vogliono per noi
con promesse scritte a voce sulle ali del vento

e pecore che corrono a nutrirsi
con i cani ad aizzarle alle caviglie
abbiamo in testa un viso che ci aggrada
ma resta solo un graffio che sembra una croce

è ciò che raccontano sia la libertà
essere messi in castigo come bambini vivaci
con ciò che ci è rimasto di italiano
ignoranti come tacchini a scrivere una ICS

a cosa servirà imparare a scrivere
se poi nel momento in cui sarebbe importante
di tutto il nostro bell’alfabeto
dobbiamo usare una lettera che non c’è?

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

la pèl…

l’era ‘n dì de primavera col sol bas
che l’asiàven dai e dai da tut l’invern
con doi canti o ‘n orazion tegnudi a mént
par far festa col vestì crompà al marcà

a smorzàrme qoel ensòni na matina
me desmisia la Tonézera a martèl
l’aria gréva a resentàr tuti i penséri
la ‘ngremiva le mè gènt e tut taséva

e la ciòca la batéva ‘l sò tormént
come ‘l fùsia l’angonìa de tut la val
sol na lùm de dent ‘n de i òci dei me amizi
co ‘n pensér che giasegava a dar festìdi

l’ài sentuda pròpi ‘ndòs, qoel dì, la nòt
come ‘l fus na petenada che te sgrìfa
e negùn che ghe da a mént le tò parole
strozegadi ‘n dei sò cruzi a séi ledràr

dré la gésia s’è ‘mpontà le meridiane
come ‘l tèmp fus sol qoel sgiànz che mai no vèn
e i zirési a domandarghe a ‘l vènt rabiós
de fermarse a scoltàr cèt senza ‘n susùr

qoela nòt de dent de mi scondu dré l’us
s’è smorzà qoel tòch de ciel mai palesà
scampà via da sot le man, desmentegà
lasà dent ‘n de na reson mai desgartiàda

ai vist gènt ‘la comunion senza far festa
a sgociarghe aqoa santèl dai òci mizi
e qoél vènt zidios fermarse ‘n trà le fràone
tàser dolc le sò pasión fin che vèn nòt

m’è restà na spedalàda arènt na stéla
e qoel aria su la pèl che no è sol mèa

Giuliano

era un giorno di primavera con il sole basso
lo stavamo preparando un pò alla volta da tutto l’inverno
con due canti o una preghiera ricordata a memoria
per fare festa con il vestito acquistato al mercato

a spegnermi quel sonno una mattina
mi sveglia la Tonezzera(campana) a martello
l’aria greve a risciacquare tutti i pensieri
intirizziva la mia gente e tutto era silenzio

e la campana rintoccava il proprio tormento
come fosse l’agonia della valle intera
solo un lumicino dentro gli occhi dei miei amici
ed il pensiero che ribolliva fino a dare fastidio

me la sono sentita addosso, quel giorno, la notte
come fosse un pettine che graffia
con nessuno che dia ascolto alle tue parole
immerso nei propri crucci a rincalzarli

dietro la chiesa si sono fermate le meridiane
quasi che il tempo fosse solo il raggio di sole che non si presenta
ed i ciliegi che chiedevano al vento arrabbiato
di fermarsi ad ascoltare in silenzio senza disturbare

quella notte dentro di me nascosto dietro l’uscio
si è spenta quella parte di cielo mai notata
scappato via da sotto le mani, dimenticato,
abbandonato in una ragione mai più chiarita

ho visto gente in comunione senza fare festa
con l’acqua santa come lacrime dagli occhi
ed il vento accidioso fermarsi tra i vicoli
tacendo dolce le proprie passioni finché è notte

mi è rimasto il ricordo di una pedalata vicino ad una stella
e quell’aria sulla pelle che non è solo mia

Ci sono delle volte nella vita che accadono dei fatti incredibili…
questo successe molti anni fà…

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons