destìn…

      1862.mp3

el se sbalanza a la sò sbava tacolènta
zercando de fermarse su na rama live a ‘n paš
fasèndo ‘n slinch pù lònch autà dal vènt
apena ‘n momentìn prima che ‘l zédia
e ‘l fil tacà su ‘n spin no ‘l se scavézia

e ‘l torna a ‘ntortolarse a ‘n ram pu baš
e gió che ‘l se sdindòna al ciàr de luna
sui sgiànzi de qoél bòzol fis ‘n de ‘l ciel
calando drit soliènt ‘n mèz al digör
postandose su ‘n fior che ‘l lo ‘mbarluma

po’ s’ciòca sgoèlt vargot che ‘l se lo ròba
l’è sta ‘n ciavàt en pàisa e ades el canta
e resta sol qoél fil spórch de rosàda

Giuliano

si dondola alla sua bava attaccaticcia
cercando di fermarsi su di un ramo li ad un passo
facendo un salto più lungo aiutato dal vento
appena un attimo prima che si fermi
e che il filo attaccato ad una spina non si spezzi

e torna ad attorcigliarsi ad un ramo più in basso
e più giu a dondolare al chiaro di luna
sui raggi di quel bozzolo fisso nel cielo
calando solo direttamente in mezzo al fieno d’estate
fermandosi su un fiore che lo abbaglia

poi schiocca svelto qualcosa che lo porta via
è stato un rospo in agguato, che adesso canta
e resta solo quel filo sporco di rugiada

il filo del destino è appeso ad un appiglio delicato e possiamo utilizzarlo per lasciarci cadere su un fiore o su un ramo o rimanerci attaccati finché succede qualcosa di inaspettato…

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

4 commenti su “destìn…

  1. Aeo mai vist en ràgn, quan’che ‘l se spilonza tacà a ‘n fìl de seda? Elo el giuga co’ ‘l sò destin… E… valguni no i creda che quel fil el sia en balia del vènt! Nò, no l’è vera gnènt! Quel fil l’è ligà fis entorn a la sò vita. E quel gròp no’ ‘l se desliga fin’che valgun; che sta al piano de sora, no’ ‘l lo decide!
    Brao vècle. Stas deventando sèmpro pù brao. Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available