crucifixus

      2469.mp3

Crucifixus

Dodecaedro

Nel TIMEO Platone associa il tetraedro, l’ottaedro, il cubo e l’icosaedro a quelli che erano ritenuti i 4 elementi fondamentali: fuoco, aria, terra e acqua. Il dodecaedro è per antonomasia sinonimo di simmetria ed è associato sin dal mondo antico all’immagine del cosmo intero, realizzando così la cosiddetta quintessenza.

Il dodecaedro  è, a parer mio,  la rappresentazione della vita, ed io ho voluto disegnarla come i mesi e ad ognuno di essi associo un’ora in una specie di Passio Umana con dodici stazioni. Un’ora, un mese, un momento. Perché crucifixus? Perché chi si ferma ai primi mesi lo è, non finisce il ciclo e rimane appeso ai propri dilemmi. Qui non parlo di dei di qualcuno, parlo di uomini, di persone di carne: di tutti. Alla fine se sommiamo due dadi da gioco avremo il numero di facce del dodecaedro. Questo dodecaedro che ho scritto io: un grosso gioco a cui si partecipa tirando il solido e la faccia visibile sarà il nostro momento. Bisogna saper tirare… bisogna saper giocare e perde chi non gioca!

Non fermatevi all’apparenza del testo ma lasciatevi andare nei pensieri più (im)puri!

 

I stazione: genàr

ora terza: cros

Parole sotovoze,
doi euro ‘n de ‘l tacuìn.
Col bast da mul, cargà,
careze de rosàri
Po’ cròdo a svoltolon
de sot na bora gréva
che ancor la spenge, ‘n gió
‘n de ‘l tó, bèstia sassìna!
Rasènto le stropaie!
Coi còleri, i me vis’cia,
ma ‘ncöi vèn nòt bonora,
gh’è ‘l ciel tut sgionf ‘mbombì

de sanch ‘mprendù!

 

ora terza: croce
parole sottovoce, due euro nel taccuino | ol basto come un mulo, carico, carezze di roseti | Poi cado a ruzzoloni sotto ad un tronco pesante | che spinge ancora in giù, nella forra, bestia assassina | Sfioro i passamani. Mi sferzano coi rami di nocciolo | ma oggi scende presto la notte, il cielo è intriso, gonfio | di sangue rappreso

 

 

II stazione: febràr

ora sesta: vègia

Leva! Giornada ghèrba!
Qoél sol che ‘l ciùta tébi
l’è ‘n pèten dré dai vedri
slusór de festa ‘ndòss.
Scaìna ‘l màntes strach
rebòt  via ‘n mèz ‘le  nòt.
Compagni al pas de ‘n valzer,
balà ‘n de stùa soliènt,
gh’è ‘nsògni rebelìdi,
i è ciòdi da cantér,
taoléte mèze a sfésse,
rogièle, e po’ i fa rota

‘n trà i penséri

 

ora sesta: veglia
Alzati! Acerbo giorno! Quel sole che tiepido fa capolino  | è un pettine dietro le vetrate, luccicore di festa addosso | Guaisce il mantice stanco, rimbombo in mezzo alla notte | Compagni al passo di un valzer, ballato da solo in soggiorno | restano sogni  piegati, sono chiodi enormi | tegole scalcagnate, rogge, e poi si fanno posto | tra i pensieri

III stazione: marz

ora duodecima: làgreme

Ancöi vorìa èser lìve,
vesìn a la me ombrìa
e contarghe le paturnie
bolìfe dent al pèt,
ma l’èi scondùda al scur
spavènta ‘n de ‘n canton,
calzòt così lì a strozech
e prezìpita le nòt.
Ninöi, sbalànze ‘n l’aria
e profumo dolc de acàz
me cimega la luna
sgociando ‘l sò strangoss

la slànega paure

 

ora duodecima: lacrime
oggi vorrei essere lì, accanto alla mia ombra | e raccontarle le paturnie, faville dentro al petto | ma è nascosta nell’oscurità, intimidita in un angolo, | calzino a strascico | mentre la notte mi precipita addosso | Ninnoli, altalene in aria e profumo dolce d’acacia | la luna fa l’occhiolino gocciolando il suo strazio | e distorce le paure

IV stazione: april

ora quinta: litania I

L’è ‘n giöch sassìn la mora
se ‘l giùga con na man
i segna ‘n pont par ti
se ‘n òcio sgoèlt ‘l lo ferma
en crèp sul taolo, sgéve,
valgun tira na strìsa
po’ i érge ‘na bichera,
e l’òsto ‘l ciga ‘l cònt
l’è dadi senza fàce
l’è sol ponte de dedi
doi brèghei, na siràca,
se ‘nzispa anca i pù cèti

valgun po’ paga dàzi

 

ora quinta: litania I
è un gioco assassino la Morra, si gioca con una mano | e segnano il punto per te se l’occhio veloce lo cattura | un colpo sul tavolo, sverze, qualcuno striscia un segno | poi sollevano un bicchiere, e l’oste urla il conto | sono dadi senza viso, sono solo punte di dita | due urli, una bestemmia, si arrabbiano anche i più docili | qualcuno paga pegno

V stazione: magio

ora settima: prèssa

vèi chi su l’ùs e varda,
bastardo maledeto
vèi chi a vardàr ste gènt
e töighe gió mesure
par lònch e par travèrs
come te piàse a ti
ma làssei star qoei doi
no i sèntes che i se parla?
no ‘n scoltes ti, pasión?
Almen vardeghe l’ànema
lassei crepàr en paze,
vanzerà ‘n buss desqoèrt

bastardo maledeto!

 

ora settima: fretta
vieni ed affacciati all’uscio, bastardo maledetto | vieni a guardare questa gente, e prendi loro le misure | per lungo e di traverso, come fa piacere a te | ma lascia in pace quei due, non senti il loro amore? | non riesci a percepire la passione?  almeno osserva la loro anima  | lasciali crepare tranquilli, tanto resterà solo una buca scoperta | bastardo maledetto!

VI stazione: giugn

ora nona:  è mort en sant

la èra lì su l’or del tomol
la perpetua, desperàda,
tut le gènt en procesion,
tèra a gaspe sul gabàn;
con na làgrema sinzéra
sule galte strapaciàde
la tegnìva ‘l pugn serà
lì ‘n silenzio su la fòssa
de scondon l’à ‘vèrt la man,
gh’è crodà gió ‘n mèz ‘nfizzà
en fazöl, de qoéi coi spìzi,
m’è parèst ‘l fus na mudanda

col profumo del sò amor

 

ora nona:  è morto un santo
era lì sull’orlo del tomolo, la perpetua, disperata | tutta la gente in processione, manate di terra sul cappotto(bara) | con una lacrima sincera sulle guance affaticate | lei teneva il pugno chiuso lì in silenzio sulla fossa | ed aprendo la mano di nascosto, le è caduto proprio in mezzo, sgualcito, | un fazzoletto, di quelli di pizzo, mi è sembrato una mutanda | col profumo del suo amore

VII stazione: lui

ora prima: litania II

gài dat l’ultim soldo a ‘n sior,
promision de dì pu tébi
gài zedù anca le campane,
par far posto sul balcon
ma valgùn me à dit gaùrlo,
qoei l’è schèi che dura ‘n amen
e lontan leva ‘n susùr
come röde a strozech fonde
via  sul dòss sora i mè pradi
i à postà ‘n canon de bronzo
metu lì sqoasi par tèrmen,
tut scazà, la boca negra

e ‘l prim colp, l’è sta par mi

ora prima: litania II

ho dato l’ultimo soldo ad un signore, con la promessa di un futuro migliore | gli ho ceduto anche le campane, per vederci meglio dal balcone | ma qualcuno mi ha canzonato, quelli son soldi che durano un amen | e lontano si leva un rumore cupo, sembrano ruote a strascico, affondano, | via sul dosso sopra i miei prati, hanno messo un cannone di bronzo | come guardia di confine, senza denti, con la bocca nera | ed il primo colpo era per me

 

 

VIII stazione: agost

ora quarta: desidèri

su ‘n canton de la cardènza
scondù ‘n font de dré dal tut
ai gatà ‘l masnìn dal pever
vért smarì col mànech rùgiol
par dispèt, fòrsi par vöia
gài cacià doi smolinàde
come sqoasi a vardar dent
se è restà vargot de bòn
ma è crodà sol sisolòte
rosegade dal caröl
sora i spìzi de bombàss
le par sol penséri a tòchi

polver négra a scarmenon

 

ora quarta: desideri
in un angolo della credenza, nascosto sul fondo, dietro a tutto | ho trovato un macinino del pepe, verde sbiadito con la manovella arrugginita | per dispetto o forse per voglia gli  ho dato un paio di giri | come per controllare se dentro sia rimasto ancora qualcosa di buono | ma sono caduti solo piccoli trucioli, rosicchiati dal tarlo, | sopra il pizzo di bambagia sembrano pezzi di pensieri | polvere nera sparpagliata

 

IX stazione: setembre

ora undecima: ladri de ‘nsogni

tira ‘l sesser, putelòt!
e delìbrete sul vènt
pòsta al sgol dei tò penséri
qoél che crédes che ‘l fus tò
làssa ‘l refol che ‘l te cùnia
come föia de salgàr
po’ ‘mbriaghete de amor
mbesuì pogià a ‘n stravènt
tirà ‘n torn a ‘ntortolàrte
‘ngropà dent ‘n doi òci mòri,
fàite viver da qoél sgiànz
come ‘l fuss l’ultima nòt

ma desmìssiete! l’è ‘n biss

 

ora undecima: ladri di sogni
lancia la biglia, ragazzino! e lasciati cadere sul vento | appoggia al volo dei tuoi pensieri ciò che pensi che sia tuo | lascia che il refolo ti culli come foglia di salice | e poi ubriacati d’amore, imbambolato su una folata di vento | portato in giro per confonderti, avvinghiato a due occhi neri, | fatti vivere da quel bagliore, come fosse l’ultima notte | ma poi svegliati! è un serpente

X stazione: otobre

ora ottava: Signor e siori

santi, calmèle, pòle,
papi de tut le sòrt
basi e doi òci negri,
tàse la gènt ‘n ghinòcio
slàgrema tut le cros,
come fus festa granda
cròda speranze e nòt,
mute a smorzàr penséri
Par encalmar ‘n acàz,
col migól marc patòch
i envida lì ‘n putàt,
ànema sul tabièl,

pan da toncàr ‘n de l’ónt

 

ora ottava: Signore e signori
santi, innesti di tralci, polloni, papi di tutti i tipi | baci e due occhi neri, tace la gente in ginocchio | lacriman tutte le croci, giorno di grande festa | cadono speranze e notti, mute a spegnere i pensieri | Per innestare un acacia, dal midollo completamente marcio  | invitano un ragazzo, anima sul vassoio | pane da intingere nell’unto

XI stazione: novembre

ora seconda: saór de amor

bàseme, amor de pàia!
Baseme chi su l’ùs!
Làssete crodàr, stéla,
a ‘mbarlumarme nòt
strozega dré i me ‘nsògni
a la to cóa de sbrìgoi
tèime lì arènt al cör,
putèla mèa par pöc
t’ài vista dent ‘n de ‘l spègio,
coi làori töi ciarése
e ‘l cào pogià al sperèl;
t’ài scondù lì doi rosse

lì a la basùr  del lèt

 

ora seconda: sapore d’amore
baciami, amore di paglia! Baciami qui sull’uscio! | lasciati cadere, stella, ad abbagliarmi notti | trascina i miei sogni dietro la tua coda di lumini | tienimi vicino al cuore, ragazza mia per poco | ti ho incontrata nello specchio, con le tue labbra di cerasa | con il capo appoggiato alla finestra; ti ho nascosto li due rosse (20.000 Lire) | vicino alla abat-jour del letto

XII stazione: dizèmbre

ora decima: na rèchia

dròmi putàt sgaùss,
pòlsa ‘nsògni matèi
ma làssei delibrarse,
linzöi de primavere
desvégete pan pian,
coi oci söi de aqoa,
e sui làori desperadi,
amor, pasion che vèn
petùm ‘n le gambe strache,
saor de mel dolcissem
ortighe ‘l sarà i fiori,
doi rondole ‘n te ‘l pòrtech

e ‘l catalét el scorla

 

ora decima: requiem
dormi spensierato fanciullo, riposa su sogni monelli | ma lascia che si librino, lenzuola di primavere | svegliati dolcemente, con i suoi occhi d’acqua | e sulle labbra disperate, amore, passione che nasce | cemento nelle gambe stanche, sapore di miele dolcissimo | le ortiche saranno fiori, due rondini nel portico | ed il cataletto ondeggia

 

 

Assoluzione

 

nel turbine di perfezione del dodecaedro platonico, ho voluto disegnare le nostre imperfezioni che ben si addicono al nostro modo di essere

Sono 12 Stazioni per 12 mesi per dodici ore in 12 strofe ed un chiodo

Diaolin

 

 

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






1 commento su “crucifixus

  1. Da Facebook:

    Fulvia Villi

    Sono arrivata alla terza stazione nella terza fase del mattino…or de sera finiso!

    Sauro Roveda

    Impressionanti…per la loro bellezza e verità. Complimenti.

    Antonio G. Della Rocca

    Pensavo di dare una scorsa e me le sono dovute leggere tutte… tra il turbine del dodecaedro mi sento vicino a giugno e agosto :0)
    E bravo Diaolìn !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available