ciao, mama

      81.mp3

Li ‘n longa a ‘na frutara
iluminada al sol
ghe’ ‘na putela splendida
‘ngropada a far fagot

la s’é gatada ‘n nìo
par viver la sò storia
a ‘n colp de vent lontana
da la sò mama cara

che col pensier en man
se racomanda al ciel
che quela növa strada
la pödia far del ben

a quela bela fiöla
che ‘l cör sò, se spetava
che prima o dopo faga
quel pas che ‘l pesa ‘n pöc

ma con na lagrimota
che slusega sui oci
la fiöla cara e bona
la ghé careza el cör

e la ghé dis: ti mama
no farte ‘na pasion
se ‘ndrizo la me strada
dré a quel che ‘l dis el cör

chi dentro i me pensieri
giò ‘n font vizin a l’anima
resta par sempro ‘l ben
che ti me fas sentir

anca se son lontana
chi an colpetin de vent
en pöc del cör sinzero
te stará sempro arent

Giuliano

Dedicato al trasloco di un amica, la Francy , anzi, a quello che penso lei lasci
nella casa dove ha vissuto finora, o, forse alla sua mamma.

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons