This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Fri Jun 14 18:08:17 2024 / +0000 GMT

Canchen nr. 33




Òci, sugàdi da sal, de furèsti morèi
restàdi a oghenàr sota tómoi de ca'
reversàde sul viver de gènt a strangóssi
en te man a 'n balèngo che 'l messéda le carte
ordégni sui bói, biliardìn de omenéti
cossì cròda i depù sota 'l vènt de la tèra
temporal de borìni che sbòcia, carogne
no i varda negùn, no i scolta resón
no i resta pù en pè, i và tuti gió 'n bùsa
sbadilade de tèra le sqoèrge 'l odor
da lontàn na canzon
röse rosse al pu brào
sol se 'l brèghela fòrt

Cardine nr. 33

Occhi di mori stranieri asciugati dal sale
rimasti a ragliare sotto tomoli di case
rovesciate sul vivere di fiori che crescono
in mano alla mente distorta di un baro
birilli di uomini su un biliardo di attese
che il vento dalla terra li faccia crollare
tempesta di colpi che bocciano, perfidi
non vedono alcuno, non sentono nulla
rovinano, stanchi, nelle buche giù in fondo
la terra, a palate, ricopre quei miasmi
c'è un canto nell'aria
rose rosse al migliore
purché urli più forte

 

 
Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. HTML saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com