This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Mon Feb 26 4:21:40 2024 / +0000 GMT

Canchen nr. 39




Su 'n cima al polinàr de i desidèri
avrìa metù 'n ziróndol color ross
che 'l me recòrdia 'l pass da pestolàr
par disegnàrme 'n mondo tut entorn
gài scrìtt en mèzz, solàgna, na parola
che scorla sù el revèrs e la passión
la mete a tàser tut qoél che me 'mbuta
el malegnàz che són còntra le gènt
e ogni qoal tràt che i me' penséri i sgola
la légio e le me' nòt le pòlso cèt
adèss, l'è 'n pèzz che 'l cerco, el calendàri
l'èra tacà lì a 'n ciodo dré da l'uss
valguni à 'mpizzà 'l föch e l'è stà tìa
e alor la tègno ént come 'n marugol
ma sui me làori no la ciuta pù

se sfodego 'n la ment mi me pareva scrìt
en nòm che ghe 'nsomìa a la LIBERTÀ

Cardine nr. 39

Sulle assi del pollaio della speranza
in rilievo, ho disegnato un cerchio rosso
a ricordo di quei passi da percorrere
per disegnare un mondo senza spigoli
ho scritto in mezzo solo una parola
che volta sottosopra ardore e umore
e fa tacere tutto ciò che mi rinfaccia
quell'astio fuori luogo per la gente
ed ogni volta che i pensieri aleggiano
la leggo e le notti mutano in sogni
ora, da un po' non trovo il calendario
era lì appeso al chiodo, dietro l'uscio
qualcuno ha acceso un fuoco e fatto fiamma
pur se la tengo stretta nella testa, quasi illuso
sulle mie labbra ormai non suona più

se scavo nella mente, credo di ritrovarla
è un nome che assomiglia a LIBERTÀ
Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. HTML saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com