This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Mon Feb 26 5:48:02 2024 / +0000 GMT

Canchen nr. 47




sòna la tromba na rèchiam eterna

la 'ncànta la val de turìboi che fuma

gh'è n cagn che 'l ghe brèghela còntra

scondù dré 'n canton, e 'l se pica de aidàrla

ma 'ntant, catalét, passa 'l mòrt

pogià su le spale de vèci cantori

restadi chi sói a sofiàr su la tìa

campane da òbito le 'ntòna angonìe

en prèt sgrana slòiche, negùn scolta nient

la tromba la sòna, tèn el tempo en badil

cròda mizza na làgrema e lì ghe cresse n'ortiga

Cardine nr. 47

suona una tromba un pezzo da requiem

incanta la valle il profumo di incenso

e un cane che ulula, nascosto nel borgo,

l'accompagna di cuore, aiuto essenziale

intanto, in barella, passa un morto in silenzio

appoggiato sul dorso di vecchi cantori

rimasti, in clausura,  a soffiare sul fuoco

campane da morto son l'ultimo strazio

sgrana fole un curato, nessuno che ascolta

la tromba rimbomba, batte il tempo il badile

dove cade una lacrima turgida, cresce un'ortica

 

Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. MS Word saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com