la föia…

      6030.mp3
      6030.mp3

s’è delibrà na föia ‘n schéna a ‘l vènt
ligéra l’à s’à tràta adòss a ‘n réfol
par farse sdindonàr sul sólch ‘n de ‘l ciel
strisà ‘n mèz a doi nùgole e na luna
lassandose cunàr come ‘n putàt content

l’èi nada via lontana come rondola
e ‘l pégol che ‘l strengéva l’è lì ancor
che ‘l sgrìfa fiss la pèl de acàz spinos,
boschér ‘mpontà a na chipa tuta ‘n pè,
a tegnìr su na gràva che la spénge

l’èi lì, solàgna a ‘ntriverlàrse ‘n l’aqoa ciàra
arbandonàda a ‘n molinèl che tonda ‘mprèssa
e la se sfonda ‘n gió senza far cìfe
coi so’ penseri che i la ‘ngremenìss de ént
e qoéla stéla che se smòrza dré da ‘n sass

e cèta la se perde via

Giuliano

la foglia

si è liberata una foglia in schiena al vento | leggera s’è appoggiata sopra un refolo | per lasciarsi ondeggiare su un solco nel cielo | inciso tra due nuvole e una luna | lasciandosi cullare come un bimbo felice | è andata via lontana come rondine | e il picciolo che stringeva è ancora lì | che graffia, fonda, la pelle d’acacia spinosa | a sorreggere una frana che spinge | è lì, solinga, immersa in una spirale nell’acqua chiara | abbandonata a un mulinello rapido che gira | e affonda senza un lamento | coi suoi pensieri a intirizzirle l’anima | e quella stella che si spegne dietro ad una roccia | ed in silenzio muore

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available