This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Mon Oct 14 0:50:44 2019 / +0000 GMT

respiri...


quelle mani che toccano notti
e poi mi sveglio
aprendo gli occhi per trovare la scintilla del mio vivere,
timida stella che si affaccia tra le nubi
di una notte senza luna e scure ombre di montagne
addormentate.

Quelle mani che, non sono mie…

Giuliano

sófi...

quele man che toca nòt | e me desmìssio | co i òci avèrti, par gatàr sol la stanzéla del mè viver, | stéla spavènta che la ciùta ‘n trà le nugole rebùfe | de na nòt senza la luna e l'ombrìa scura dei mè cròzi | ‘ndromenzàdi. | Qoéle man che, no le è mèe…

Quella scintilla che è il momento in cui si vive(nasce)...

Stavolta l'ho scritta in italiano e mi sembrava giusto tradurla anche in dialetto visto che ultimamente faccio il contrario. La lettura sarà comunque in dialetto…





Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. HTML saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com