This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Wed Jul 8 5:00:24 2020 / +0000 GMT

le parole che no sài...



come fonte a recordàrme le paròle che no sài

che no ài dit, par darme pàze o scoltar el vènt revèrs

l'è sfrizzóni che i me strénge 'ndòss sintéri de farlèt

che i sfaliva sot le scarpe a contar le sò passión

me le cerco dent 'n de 'l niènt, fitalìn de la mè testa

empienùda sol de réfoi che i despètena 'l desèrt

le rembomba a s'ciòchi fìssi come ciòche l'angonìa

e le smòrbia i làori sùti carezzàndoli de ràsa

po' le scampa e 'n ciel le sgóla liberando dal strangóss

tut el tórc che 'l sgócia mizz delevà da 'n sol lontan

vegnù a törme 'n mèz a 'n bósch 'n de na festa de boiari

senza pànder niènt de che, l'è sol tìa che 'mpizza 'l föch

Giuliano

le parole che non so...

come faccio a ricordarmi le parole che non so | che non ho detto, per darmi pace o per ascoltare il vento di tramontana | sono fitte che mi stringono addosso sentieri di strame | che fruscia sotto le scarpe raccontandomi la sua pena | me le cerco dentro il niente, inquilino della mia testa |  riempita solo di refoli che spettinano il deserto | rimbombano a schiocchi intensi come campane a morto | ed ammorbidiscono le labbra asciutte carezzandole di resina | poi fuggono e volano in cielo liberando dall'angoscia | tutta la pioggia che gocciola umida sublimata da un sole lontano | venuto a prendermi nel bosco in una festa sull'alpeggio | senza rivelare niente, è solo teda che accende fuochi

Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. MS Word saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com