This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Wed Aug 21 18:36:00 2019 / +0000 GMT

2017, libertà...




el tonda 'l snöl, par en qoart d'ora,
come la ràgia stràca de 'n orlòi
da tirar sù con na rodèla slìssa,
e po' de volta 'l cròda 'n dré sora 'l sò nar
e 'l sèra 'n uss lassà davèrt da 'n pèzz

rèsta de ént, scondùda, qoéla voze
che la 'ntòna pan pianin na vècia rèchia
'mpienùda sol da 'n cant che 'mpìza sói
se 'l scoltes cèt, senza susùri o cocondrìe

ti daghe 'n colp de ciào a qoél smarlòss tut negro
che  'l vorìa 'ndrìzar le gènt par strade onte
e la paròla crùa che se fa cant
la 'l strengerà a 'n canton, empresonà
ma sol se valghedùn sarà ancor bòn
de calumàr lontàn col tantalàn de 'n brèghel strapacià

töitela dré, se anca la spenge su le spale
la lassa 'l pass che 'l vàghia 'nnanzi, drit

Giuliano

libertà...

gira la maniglia, per un quarto d'ora, | come la lancetta stanca d'un orologio | da caricare con una rotella smunta | e nuovamente torna sul suo andare | per chiudere un uscio lasciato aperto da tempo | rimane dentro, nascosta, quella voce | che intona sottovoce una vecchia requia | riempita solo dal canto che risveglia soli | se lo ascolti in silenzio, senza rumori o malinconie | da' un giro di chiave a quel lucchetto tutto nero | che vorrebbe indirizzare la gente su strade scivolose | e la parola cruda che si inarca a canto | lo stringerà alle corde, imprigionato | ma solo se qualcuno riuscirà | a sbirciare più lontano con lo strazio di un urlo sconvolgente | portala appresso, anche se  pesa sulle spalle | lascia che il passo guardi avanti, dritto
Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. HTML saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com