This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Sat Aug 24 13:38:42 2019 / +0000 GMT

cant de 'n grilét a na luna




sconfióna la nùgola spéssa

che 'l sófi de aotùn che te scònde

'l te fés da corona

precìss come còcoi de lèpz

al scorlar de la bòzza sinzéra

e fàite ninàr da sta canta de gràgole

perdùde 'n de 'l erba secàda dal vènt

sqoasi a farte 'l amor tute 'nsema, petìzze

putàna che ès ti, che esibìses la sbògia

e làghes strangossi, mandòle scordàde,

strengiudi 'n de n véder stranià da 'l tò lum

po' pességa na cima a tegnìrte su 'l vél

e sùbito 'l cant 'l se sconfonde a la nòt

te spèto, doman, e 'ncòrdo l'archét

veràs che te baso

veràs...

Giuliano

canto di un grillo a una luna...

spintona la nuvola turgida | ché il soffio d'autunno che ti ricopre | ti adorni con corone di fiori | come fossero bolle di vinacce svampite | quando scuoti la fiasca sincera | e fatti cullare dal canto di battole | sperse nell'erba inaridita dal vento | quasi a farti all'amore, tutte insieme, gelose | puttana tu sei che esibisci il tuo petto | e permetti singhiozzi a mandole scordate, | avvinghiate allo sguardo straniato al bagliore | poi si affretta una cima a nasconderti il viso | e, improvviso, quel canto si scioglie nel buio | io ti attendo, domani, mentre intono l'archetto | vedrai che ti bacio, vedrai

La musica è mia: "na letra par ti"

Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. MS Word saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com