This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Mon Apr 15 21:08:28 2024 / +0000 GMT

Pipacùl...




E con en dé, tocarlo, 'l celór del ciel
plafón, repezà sù, de stele a babilòn
sinzéro, almen stavolta, 'l è ruà
tut negro 'l sécio sgiónf el sbògia lum
a strìse le sconfióna a farse làrch
e na luméta, cócol de na brasa,
la sfranza 'l scur torégn del brö 'nghiacià
'mpestà de ombrìe, 'l par cròzzi sora i cópi
ma no 'l ne 'mpara niènt, l'è sol paure
se varda 'ntorn spavènti come sóresi
zercando se lì arênt gh'è 'n vòlt segùr
le onge alor le ràssa fin gio a i òssi
ma nient l'è sèmpro nient, anca lì al scur


Giuliano

Terrore...

E con un dito ti pare di toccare la cima del cielo |  soffitto, rammendato di stelle, sulle spalle di un gigante |  sincero, almeno stavolta, finisce lì | tutto nero il secchio gonfio si riempie di lumi | a strisce si accapigliano per farsi posto  | e una scintilla, bollicina di una brace  | infrange il buio, sterile, del brodo intirizzito (siderale) |  appestato di ombre, sembra siano rocce sopra i coppi | ma non ci insegna nulla, solo paura | spaventati ci si guarda attorno come sorci |  cercando accanto a sé un covo sicuro | le unghie allora raschiano in fondo fino all'osso | ma il nulla  è sempre nulla, anche lì al buio

 

musica: Marc Berthoumieux - Regis Gizavo - Les Couleurs d'ici
Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. HTML saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com