This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Mon Mar 4 6:10:08 2024 / +0000 GMT

Canchen nr. 46




Par, quasi,
che no vaga pu gió 'l sol

E vègnia su la nòt co le so' terlaìne
metude lì 'n tra i àrboi par giöch de rotolàne
la luna, 'mbesuìda la rùa 'l sò scart a briscola
entant che 'l linzöl negro spiana i colori 'n céndro

Saral sol i me' nsògni a sbianchegiàr matérie,
o 'l cör de qoél putàt che no 'l devènta òm?
Vorìa na nòt sinzèra che no la contàss stòrie
gualìva al dì che slùse tegnùda al scur dai mali

Par, quasi, pù no  vègnia
na nòt da dromìr cèt

 

Cardine nr. 46

Sembra, quasi,
siano spariti i tramonti

E risalga buia la notte con le sue ragnatele
tessute in mezzo agli alberi, gioco di pipistrelli
la luna, inebetita, termina il giro a briscola
mentre un lenzuolo nero spiana i colori in cenere

Saranno solo i miei sogni a tinteggiare lo svago
o il cuore di quel ragazzo che non diventa uomo?
Vorrei una notte sincera che non racconti balle,
come il giorno che splende, al riparo dai briganti


Sembra, quasi, non si presenti più
una notte per sognare

 

P.S.: il bianco e il nero non sono i colori del mondo
Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. HTML saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com