làpisi scavézi…

      5411.mp3

fosìn, strìsa negra
su ‘n fòli de bàta
l’è ‘n àrfi sgaùss
lagà sgolàr alt

se ‘mponta la nòt
i desgàrtia i rochèi
‘mbastendone i làori
coi ponti de séda

e vis-ciàde credenze
‘mbombìde de mòrt
le ‘mpitùra ‘l doman
seràdi dre a ‘n ùss

Giuliano

matite spezzate

fuliggine, striscia nera | su un foglio di ovatta | è un vuoto sospiro | lasciato volare | s’impunta la notte | dipanano i fili | cucendoci labbra | con punti di seta | e illusioni violente | intrise di morte | dipingono giorni | chiusi dietro a una porta

 

Nonostante tutto non riusciamo ancora ad uscire dal nostro guscio

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

3 commenti su “làpisi scavézi…

    1. Grazie Guido, sono contento ti piaccia, è un momento nero e la questione non
      si risolverà con un “Io sono Charlie” ma con una rivisitazione dei propri concetti
      di interazione con gli altri.

      Non dobbiamo permettere che per salvaguardare la libertà la si tolga!

  1. Se si tenesse presente che la propria libertà finisce dove inizia quella altrui, avremmo già fatto un bel percorso. Così non ci sarebbe nulla da salvaguardare né da togliere. Ma mi pare un’utopia.
    Ciao.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available