la valìs…

      1370.mp3

el manech de ‘n penèl
secà ‘n de na chìchera šùta
‘ncolorìda de azùr, de dént
e na pila de sföi de carta
rosegàdi da le grìl,
‘nrugiolìdi dai sgiànzi de sol
pašadi för ‘n tra le coltrine,
de sforàuz,
a carezàrsei come ‘l fus
‘n qoei primi dì de primavéra
che i stébia ‘l muš a s’ciafe

e la cardènza
‘ncarolàda, giàlda de fum
coi sò vedri ormai velìne
grìsi che i par ensìn
restarte ‘n man
sol a vardàrli
e dré scondùde
pogiade ‘n de ‘n canton
zirèle roše e color del sol
che nó i le völ negùn, encöi en dì
e  su ‘n tra, na cartolina
de coscrìti, ‘nsèma a ‘n òrghen

sula tàola na musìna
con li arènt doizènto lire
e la lum che bàla tébia
dré da spìzì fati a man
na caréga descolàda
la sghigògna ‘nsìn de nòt
sès nà via senza ‘n sušùr
e de dré da l’ùs davèrt
na valìš l’èi lì ancor vöida
t’as töt dré sol i penšéri
ma è resta quel fil de ti
che palesa odor de ca

ogni volta l’èi cošìta
no se gata mai el temp
par asiàrse ‘l sò sintér
ma se mi gavés el mè
vorìa ‘n viaç senza la cros
con doi òrgheni che sona
na muséta a la franšè
e con tut la gènt entorn
che i se basa e i fà la bala
brustolà sul Carnevàl
come fus paia e luméte
‘n de na fèsta

e pò ‘l sìa nòt

Giuliano

Il manico di un pennello | rinsecchito in una tazza asciutta | colorata d’azzurro, all’interno | ed una pila di fogli di carta | rosicchiati dai ghiri | arrugginiti dai raggi di sole | atraversando le tendine | di nascosto | per accarezzarseli come fosse | durante i primi giorni di primavera | quando ti riscaldano quasi a schiaffi | e la credenza | tarlata, gialla di fumo | con i suoi vetri ormai veline | grigi che sembrano quasi | rimanerti in mano | solo a guardarli | e dietro, nascoste, | appoggiate in un angolino | caramelle di rabarbaro e cannella | che non gradisce più nessuno ai giorni nostri | e dentro in mezzo una cartolina | di coscritti con una fisarmonica | sopra il tavolo un salvadanaio con vicino duecento lire | ed il lume che balla tiepido | dietro i pizzi ricamati a mano | una sedia scollata | cigola anche di notte | te ne sei andato senza rumore | e dietro l’uscio rimasto aperto | una valigia ancora vuota | ha portato con te solo i tuoi pensieri | ed è rimasto quel segno di te | che rammenta il profumo di casa |  ogni volta la stessa storia | non si trova mai il tempo | per ripulire il proprio sentiero | ma se io trovassi il mio | vorrei un viaggio senza croci | con due fisarmoniche che suonano | una musette alla francese | e con  tutta la gente intorno | che si bacia e si ubriaca | bruciato sul dosso del Carnevale | come fossi lucciola di paglia | in una festa, e poi sia notte

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






9 commenti su “la valìs…

  1. Sembra, caro Giuliano, che ti diverta a mettermi in dificoltà. Mi ero infatti illuso che avessi ormai preso l’abitudine di corredare le tue poesie con un’adeguata traduzione almeno dei termini meno in uso o meno noti a noi “zitadini” da Trènt.
    Ma mi tolgo subito d’impaccio perché, anche se non ho colto nella sua interezza il messaggio, la terza strofa sopperisce egregiamente, molto egregiamente. Sono una serie di immagini splendide che pare che parlino, che si possano toccare, annusare, vedere davvero. La musìna con le dosénto lire, la lum che bala, la caréga descolada della quale par di sentire lo “sghingognar” , la valìs vòida dré a l’us davèrt, perfìn l’odor de casa.
    Devi essere stato davvero ispirato a scrivere questi versi così nitidi oppure hai potuto attingere a ricori ancora talmente freschi che non t’è costato trasmetterli così bene. In tutti i modi, hai fatto un lavoro che apprezzo molto.

  2. Io l’avevo letta questa tua poesia e commentata anche sul tuo blog.

    E ricordo che mi aveva bucato l’anima e le parole mi vennero spontanee per dire di questa intensità
    Si parla di separazioni e di nuovi desideri.
    Di tutte le tonalità e le sfumature dellle separazioni.
    Anche quelle che siamo costretti a fare
    e soprattutto di quelle che sono legate
    ad attimi di vita di rara bellezza.

    E si va via perchè il tempo non debba mai far perdere il colore e la luce negli occhi delle persone amate, nel tumulto o nella calma ambrata dei sogni.

    Arrresti improvvisi, inaspettati.
    E si va via lontano dai luoghi consueti e troppo familiari che possono addormentarci quando il soffio vitale non li nutre più dello stesso sangue necessario per vivere.

    Oggi rileggo queste parole che mi avevano commosso.

    Oggi, rifletto in questa giornata di pioggia….

    e vedo che quegli oggetti che appartengono ad una memoria o a tante memorie sono immobili non fino al punto di essere morti
    vogliono ancora un pò di una luce di un sole di Primavera.

    Una luce radente, per un ultimo sguardo prima di uscire di scena…come qualcosa che strappa dentro di nostalgia.

    Eppure si deve andare per non morire in ricordi che rischierebbero di farci diventare statue
    di far perde il senso di una vita vissuta fin dentro all’anima

    Ciao Poeta dei canti.
    Ora vado a studiare e mi porto dentro la nostalgia dei canti.

  3. Bravo Giuliano,hai una splendida vena poetica ed è perciò che brontolo quando ti metti a fare il satiro.Caccia via lontano da te il diavolo dissacrante e osservati col rispetto che meriti da diverso tempo e pensa che per essere riconosciuti “artisti” dagli “altri”,devi essere tu il primo a rispettarti. Un abbraccio. Marisa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available