This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Fri Aug 23 8:01:05 2019 / +0000 GMT

festìdi...


'l festìdi l'è le gent che le se 'nzispa fisse
e le davèrge i braci a fermar le s'ciopetade
pitòst che rosegarse, coi denti ancor scazàdi,
raiss de ortighe seche sqoergiude dal ciapòt

'l festìdi l'è le gent che àrfia vita vera
lassando che de sora i pòstia för le réce
par pò bàterle gió col sanch de la resón
e meterse 'n scarsèla che lévia en sol pù bèl

'l festìdi l'è i poréti che no i ghe 'n impöl pù
lassando i manganèi che i prövia a farghe còntra
e su le strade negre, rivòci de qoel ross
ma qoel che spigolàn l'è sol en di de pù

'l festìdi l'è 'l pensier che 'l par che no 'l ghe fùsia
envezi, a grani gròssi, sgionfadi de pasión
se i tòrces col sò mòto, rogièla för saóri
l'è dolc el sanch porét, lo beve sol i Sióri

Giuliano

fastidio...


il fastidio è quella gente che si arrabbia decisa | ed apre le sue braccia per fermare le fucilate | piuttosto che rosicchiare, magari senza denti | radici di ortiche secche coperte dal pattume | il fastido è quella gente che respira la vita veramente | lasciando che di sopra i potenti si affaccino | per poi destruggerli col sangue dei giusti | e mettersi in tasca un mattino migliore | il fastidio è la povera gente che non subisce più | lasciando i manganelli che provino a controbattere | e sulle strade nere, rivoli di quello rosso | ma ciò che spigoliamo è solo un giorno in più | il fastidio è il pensiero che credevano non esistesse | invece dai grani grossi, rigonfi di passione | se li tòrchi delicatamente, si sprigionano profumi | è dolce il sangue dei poveri, lo bevono solo i potenti
Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. HTML saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com