This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Mon Oct 14 2:13:56 2019 / +0000 GMT

negùn...


mi son negùn, mè bèle gènt
son qoel ombrìa che la se strùssia de scondon
e no la lassa niànca 'n segn su 'n de la sàbia
par enzispàr el vènt, che 'l fis-cia, tébi

mi son en sofi, dolc e rebùf
la làgrema che sgocia da 'n bel fior empiturà
somenza che la 'ndàqoa i me penséri e po la core
gio 'ntrà rivi che i se sfanta 'n mèz i cròzzi

e sbòfa e salti, pirli 'n trà le ortighe
se sfonda l'ultim goc 'n la tèra suta
e mi, negùn, sentà lì al sol broènt
pogià pan pian sul bèch de na parùssa

e adèss la canta

Giuliano

nessuno...

sono nessuno, amico mio | come quell'ombra che si struscia di nascosto | e non traccia nessun segno sulla sabbia | per increspare il vento, che fischia, tiepido |  sono un respiro, dolce e spettinato | la lacrima che gocciola da un fiore, arcobaleno | semente ad annaffiare i miei pensieri e rapida |  lei scorre nei ruscelli, vapori tra le rocce  | e  schiuma e salti, mulinelli tra le ortiche | affonda l'ultimo schizzo nella terra arsa | ed io, nessuno seduto al sole, ignaro | appoggiato al becco d'una cincia | che ora canta
Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. HTML saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com