la mè mama…

      336.mp3

gh’è ‘na farfala
che la sgola fior en fior
con quei colori
l’è ‘n bèl prà de primavéra

pò la se pòlsa
propi chi su le mè man
come careza
che par naser för dal cör

l’ei cossi tèndra
e sì ligéra come ‘n sofi
la bate l’ala
e la saluda pan pianin

e la se posta
molesina sule spale
come che ‘l fusa la mè mama
‘n momentin

la varda sora
‘ndel silenzio de ‘n susùr
strengendo al cör
i me’ pensieri ‘mpasionadi

e mi de dent
de dent a l’anima che sgocia
la sento chive
co’ le man a braciacòl

l’è propi ela
quel soléo réfol de vent
al sò pensier
mi me se ‘ngropa tut, subiènt

Giuliano

la mia mamma…

c’è una farfalla che vola fiore in fiore | coi quei colori è un bel prato di primavera | poi si riposa proprio qui, sulle mie mani | come una carezza che sembra nascere dal cuore | è così fragile e, leggera come un soffio, | batte l’ala e mi saluta dolcemente | e poi si appoggia teneramente sulle spalle | quasi fosse la mia mamma per un momento | mi tiene d’occhio nel silenzio di un sospiro | stringendo al cuore i miei pensieri appassionati | ed io di dentro, dentro l’anima che lacrima, la sento qui, abbracciato dalle sue mani | è proprio lei quel lieve refolo di vento | al suo pensiero mi stringe tutto dentro il petto

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons