This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Sat Dec 14 11:44:56 2019 / +0000 GMT

la mè ca'...


su le ale de 'n arnài che 'l sgola cèt
lì, dalbòn, gh'è la mè ca', senza sperèi
né straméze, scondiléoro de putàti
e le coltrìne l'è la ré de 'n bèl ragnòt
tut de pél, ninöl tut negro, a far la pòsta
scondù ai òci 'n de na sféssa sul color

alt la sgola la me ca', sul ciel pù font
la me pòrta 'n paradìss se ghe don òdia
la 'mpienisso de penséri si balènghi
che i mè amìzi i dis "l'è mat qoél lì, porét!"
la me scampa ogni qoal trat coi mè penséri
ma se 'l piöo la vèn de volta a se sugàr

l'èi parole, brèghei, tàser, 'nsin matérie
me la tögo dré ogni dì 'n de 'n sgol putàt

Giuliano

la mia casa

sulle ali di un falco che vola in silenzio | lì, davvero, c'è la mia casa, senza finestre | e neppure tramezze, nascondino per bambini |  e le tendine sono la rete di un bel ragno | tutto di pelo, ciuffo nero, sta in agguato | nascosto agli occhi in una crepa nel colore | alta vola la mia casa, nel cielo profondo | lei mi porta in paradiso se le dò retta | la riempio di pensieri così strambi | che gli amici dicono "è pazzo quello lì, poverino!" | lei mi scappa di tanto in tanto assieme ai miei pensieri | ma se piove torna indietro ad asciugarsi | è parola, urla, silenzio, perfino giochi | me la porto dietro ogni giorno in un volo fanciullo
Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. HTML saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com