la litorina…

      380.mp3

‘na bancheta ‘mpiturada
sota ‘n arbol, rugiolida
fà da polsa a chiche viagia
vers al sò, doman segùr

pò lontan, en sbuf de cendro
sghigognando ‘l par en mantes
quela vecia litorina
subia forta come ‘n ghirlo

tuti arènt, vesin ‘le sine
spèta ‘n viac’ par star sentadi
ma la ferma sol par chiche
no g’à gnènt da dir de pù

e quei altri che ‘i spintona
trabatando dì par dì
i pazienta ‘ncor en migol
aisimpòneri mai strachi

forsi ‘l ferma anca doman
no ‘l se pande su chi ‘l carga
ma ‘ntrà ‘n sofi e ‘na campana
ogni tant el pòlsa cèt

ale volte ‘l par che ‘l vardia
se valgùn l’è resta ‘ndré
e se no ‘l lo sente arfiàr
con en fis’cio ‘l lo töl sù

mi me ‘l vardo tuti i dì
con quei sòi vagoni lustri
no desmonta mai negùn
sol fazöi, gent che saluda

par che ‘l vòltia ‘n paradis

Giuliano

la fine della nostra vita è un treno sul quale riusciamo solo a salire

La Litorina (Dialetto di Campogalliano MO)

(adattamento di Oscar Clò, bravissimo poeta ed amico di Campogalliano)

‘Na banchina piturèda
Sòta ‘na pianta, rusnèinta
L’aiuta l’arpuns ed chi al và
Vers al sòo, dmàn sicur

Po’ luntàn , un sboff ed szendra
Col lansàun , al sembra un mantèsz
Cla vècia litorina
Come al veint la s-céfla fort

Strech un atac a cl’etèr svein ai binari
i-aspetèn un viasz per stèr sidùu
Ma as ferma sol per chi
An-g’ha piò gnint da cuntèr

e tòt chi etèr ch’ì cocèn
sguband dè per dè
i rèchièn ancàra un poc
lavuradòr mai stoff

forse as farmarà anc-e-dman
seinza dir chi-l’ cargarà
ma tra un sboff e ‘na campanèla
ogni tant al-s’arpunsa tranquèll

dal volti a pèr cal guèrda
se quecdun l’èe armès indrèe
e s’an-le seint respirèr
cun un s-cefèl al-le tos sò

mè a m’al guerd tott i dè
cun chi sòo vagaun lustrèe
an smunta mai nisùn
fazulèt , gint cla saluta
a pèr c’ al volta-vìa d’ in Paradìs

 

La littorina

 

Una panchina pitturata | sotto un albero, arrugginita, | è il riposo di chi viaggia | verso il proprio destino, domani certo |  poi lontano, uno sbuffo di cenere | scricchiolando sembra un mantice | quella vecchia litorina, soffia forte come il turbine | tutti stretti, vicino alle rotaie | attendono un viaggio comodo |ma si ferma solo per chi |non ha più nulla da raccontare | e tutti gli altri che spingono | lavorando giorno per giorno | pazientano ancora un poco | aizimpòneri mai stanchi (posatori di ferrovie) |  forse si ferma anche domani | non dice mai chi caricherà | ma tra uno sbuffo ed una campana |ogni tanto riposa calmo | alle volte pare guardi | se qualcuno è rimasto indietro | e se ne percepisce il respiro |con un fischio lo fa salire | io lo osservo tutti i giorni | con quei suoi vagoni lucidi |non discende mai nessuno | solo fazzoletti, gente che saluta | pare che il capolinea sia il paradiso

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons