sol…

      6133.mp3

      6133.mp3

la spénge na nugola, pégra, la luna
la cròda segùra come falc sul formént
e ‘n s’ciap de bolife ‘mpitura la sera
lassando la pòlsia ‘l so córer dré a ‘n lum
embriàch, ‘nnamorà de qoél una, zevìla
la vardo, l’èi ferma, la speta ‘n cinìn
la ‘mpìza le ponte dei laresi, spìzze
en sófi e doi ale le sbrèga la nòt
l’è trei rotolane a balar sora ‘l vent
e mi pogià a ‘n scur che sghigògna ‘l so cant
te cerco de dent a i mè ‘nsògni pu tèndri
sentà sot qoél ciel che caréza la val
scoltando la riàl che la ‘ntòna canzon
par un che no ‘l sente e ‘l se lassa sgolàr

Giuliano

sol…

spinge una nuvola, lenta, la luna | cade sicura come falce sul grano |  e uno sciame di scintille dipinge la sera | lasciandola riposare dal rincorrere un lume | ubriaco, innamorato di lei, altezzosa | la guardo, è lì ferma, attende un pochino | avvampa le cime dei larici, appuntite | un soffio e due ali strappano la notte | sono tre pipistrelli che danzano il vento | ed io appoggiato all’imposta  che cigola un canto |  ti cerco di dentro ai miei sogni più dolci | seduto sotto a quel cielo che accarezza la valle | ascoltando il mio rivo che intona canzoni per uno che non sente e si lascia volare

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






2 commenti su “sol…

  1. Da Facebook
    riporto Daniel di Schuler

    Una di quelle giuste;
    di quelle che mi fanno pensare di conoscere un poeta. E i poeti sono rari.
    Per favore, leggete l’originale e ascoltate l’audio; la traduzione rende solo il significato letterale. Vale per ogni composizione poetica. Vale soprattutto per della lirica come questa che, prima di tutto, suggestiona ed emoziona,

Rispondi a diaolin Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available