la sgùssia…

      6454.mp3

gh’è na sgùssia ne na nóss sul pel de l’aqoa
la ga ént, bèn fissa al pìzz, na formigòta
l’èi stremìda da la sbòffa de la roggia
la va dré a qoél nar encòntra a ‘l precipizi
sqoasi ‘l fùss l’unica onda al sò domàn
che ‘l la rùdola sui sassi smondolàdi
a stondarghe i bèchi spìzzi come ‘n sésser

tut de ‘n tràt se spiana ‘l pàss en mèz na möia
e la noss la se ‘ncantona dré a na curva
detersivi, lessìvoni e carte onte
“no saràlo miga qoesto ‘l mè destìn?
no pöl èser che ‘l me ciel fussa mondizie”
da lontàn se sènte ‘n tòn che se arvesìna
l’è na nugola de palta a sqoèrger tut

è restà, rota,  na noss via su la ròsta
e doi ciàtele ancor tacàde al sò cör fiss
tut se cèta, negùn varda,ì n’à en festìdi

ghe n’è ‘n mùcio ancor vive
tute negre

Giuliano

il guscio

corre il guscio di una noce sopra l’acqua | porta appresso, sul gheriglio, una formica | è sconvolta dalla schiuma della roggia | ma va dietro a quel turbine verso il precipizio | quasi fosse l’unico aiuto al suo domani | che la rotola sui sassi mondati | per arrotondarla come una biglia | improvviso tutto si ferma in una pozza | e la noce si incastra dentro un’ansa | detersivi, lisciva e carta sporca | “non sarò mica questo il mio destino?” | “non è giusto che il mio cielo sia immondizia” | da lontano cupo un tuono si avvicina | è una nuvola di fango che copre tutto | è rimasta, spezzata, una noce sulla briglia | e due zampine ancora attaccate al gheriglio | tutto si calma, nessuno vede, indifferenza | ce ne sono ancora tante | tutte nere

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






5 commenti su “la sgùssia…

    1. Grazie, hai ragione, la mia poesia lascia sempre un po’ d’amaro…
      potrei mentire ma non riuscirei a costruire niente.
      Grazie molte per il commento.
      E un augurio di un anno buono

Rispondi a Guido Leonelli Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available