uomini di carta…

      6530.mp3

Incontro uomini di carta
disegnati con un flash di inchiostro grigio
tra ombre di parole aggrappate a fogli tenui
che scivolano sulle dita consumate da pensieri
trincee contro il sentire che, accanito, erige muri
e lento incedo indietro sui miei passi appesantiti
cercando vie d’uscita dal deserto di una pista per le bocce
dove il gioco rompe il senso del comprendere
e dentro resta il fumo di candele quasi spente
sentore di ricordi forestieri, colore di canzoni
né sentite né cantate, smorzate dal brusio
di chi non ha più voce e abbraccia il vento
ritorna in rotativa un giorno vecchio
nascosto tra le righe di un racconto silenzioso
lasciato lì per me che leggo, cieco

Giuliano

Òmeni de carta…

scòntro òmeni de carta | disegnadi con en sgiànz de ‘ngiòstro grìs | ‘n mèz a ombrìe de ciacere, ‘mpicàde a sfòli fini, | che le slizega ‘n tra i dedi consumadi da penséri | cavezàre còntra idee che, dré adadré, ‘mbastisse muri |  e pégro, ‘n cessacùl, sui passi grévi | en cerca de scamparghe a qoél desèrt, camp da le bòce | endo che ‘l giöch el rote i sentimenti | de ént gh’è sol el fum de doi cigòtoi senza fiàma | odor de gnào furèst i me recòrdi, colori de cantade | mai sentùde e nianca dìte, smorzade da qoél boier | de chi che no à pu voze, tacà lìve a braciacòl de ‘l vènt revèrs | pò torna su na machina da stampa ‘n dì, dai dai già vist  | scondù lì  ‘n tra le righe de na slòica silenziosa | lassada lì par mi che légio, òrbo

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






2 commenti su “uomini di carta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available