promissión…

      6552.mp3

La scólta, la nòt,
la remór de i maròchi
su ‘l camp da le bòce
de àqoa che rónca, sinzéra
giò ‘n font a la val
la arléva na fiéta de luna
che, tèndra, sparìss
dré a coltrìne de nùgole, mìzze
pogiàda sui còrli scondudi
‘ n la testa de chi che no dròme
pogià con na récia a ‘n sperèl
a qoél ultim rampìn
empiantà su la chìpa,
de ‘nsògni furèsti
resentàdi da góce de sànch
de putàti negàdi ‘n te orèi de parole
promissión da caìa

Giuliano

promesse…

ascolta, la notte, | il rintocco dei sassi | sul campo di bocce | di acqua che scava, sincera | in fondo alla valle | alleva uno spicchio di luna | che, dolce, sparisce | dietro sipari di nuvole, turgide | appoggiata ai rulli nascosti | nel cranio di chi ormai non dorme | con l’orecchio appoggiato al telaio del vetro | a  quell’ultimo gancio | piantato alla china | di sogni stranieri | risciacquati da gocce di sangue | di bimbi affogati  in imbuti di parole | promesse di avari

Musica: Arvo Pärt Spiegel im Spiegel

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






4 commenti su “promissión…

  1. CIAO Diablo
    Mi piace quel rotolare di bocce e di pensieri che vengono sbalottati alla stessa stregua…
    Quell’anima che scruta nella notte con il pensiero che corre lontano dove la miseria degli uomini si fa morte…
    Brao. Ciao

  2. Bella e finalmente comprensibile anche da uno zuccone come me.

    Ti restituisco il favore: al 10° verso forse volevi scrivere dòrme invece di dròme.
    E quella ibera traduzione di “sassi che rintoccano”, mi scuserai ma mi suona male.

    Ma la poesia mi piace: è carica!

    1. Grazie, dròme è corretto, in cembrano il verbo è dromìr
      per la traduzione non so che dire ma in ogni caso era “rintocco dei sassi” per descriverne il loro incedere come una campana
      Grazie molte, Diaolin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available