en mondo machègn…

      6546.mp3

el tonda de torn a ‘n tamìss de bolìfe già morte
che slìmega nòt pituràde de ‘nsògni, matérie,
spizegòti de lum a embroiarme ‘l sintér tut rebòtoi
festìdi al me pass sparmezà con el vènt parmalóss

mi lasso che ‘l faga da corlo al mè möver remengo
co ‘n òrghen che ‘ngropa i mè dedi ‘n canzon
me ‘l tègno lì sot sqoasi a farlo ‘n pöch dir
l’è ‘n giugatol da roter co i calcagni de i pèi

se sente ‘n de i sgrìsoi sbolfrade de °àqoa
sbalegia la sera campane che scorla de sò
tut qoànt par che ‘l còntia na storia de nòt mai ruàde
perdùda ‘n de ‘n làpis che scòrza ‘n linzöl

me par che sia tut li de föra che ‘l spèta
ma ‘l gato ‘n de ‘l spègio ‘n de i òci morèi
no i tase, qoei doi, i me zàiga i recòrdi
se crèpa la ponta, la spìzzo e la spìnzo
vorìa veder lùstro ma dent gài sol scur

Giuliano

un mondo insipido…

si avviluppa a un setaccio di scintille ormai spente | che evocano noti dipinte di sogni, giochiamo | pizzicotti di luci a imbrogliare il sentiero di sassi | fastidio al mio passo condiviso col vento scontroso | io lascio che il mondo diventi un supporto al cammino ramingo | con una fisa che annoda le dita in canzoni | me lo tengo li sotto quasi a prenderlo in giro | è un giocattolo, vittima inerme dei calcagni feroci | si sentono nei brividi vampate di acqua | contrastano il crepuscolo campane abbandonate | e tutto d’intorno racconta una storia di notti infinite | perduta nel solco di un lapis che strappa un lenzuolo | mi sembra che tutto, lì fuori, mi attenda | ma lo trovo annegato nello specchio dei miei occhi neri | non tacciono, i due, affondano nelle cicatrici del tempo | si spezza la punta, la rifaccio e la distruggo | io vorrei vedere giorno ma di dentro ho solo notte

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






4 commenti su “en mondo machègn…

  1. Bellissima. Trovo che ( almeno nel finale) la traduzione letterale sarebbe più efficace.
    ” Vorrei vedere luce ma dentro ho solo oscurità ”
    Perdonami l’ osservazione.
    Livio

    1. Ti ringrazio del commento caro Livio ma ci ho pensato anch’io e trovo più adatta la mia traduzione anche se all’inizio era esattamente come tu hai proposto
      Diaolin

  2. Tu sai la fatica che faccio a comprendere il tuo dialetto, ragione per la quale spesso mi devo accontentare della traduzione che non è certamente un bel modo per esprimere un parere su una poesia dialettale. Concordo quindi con quanto dice Livio sopra. Leggere la traduzione è per me come leggere un’altra poesia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available