This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Sun Nov 29 22:20:05 2020 / +0000 GMT

bòstrico...




e dopo trèi nòt, catìo come 'n tass

à fat tonde 'l ghirlo, cuciando gio 'l bosch

no gh'è stà redèntio, i è tuti 'n ghinòcio

chi 'ntréch, chi scavézz, l'è plàghe par tèra

e i còssi a Nadàl i s'à fat su 'n disnàr

de scòrze smorbiàde da pianti del ciel

e adèss, par dispèt o fòrsi a reson

i se sgionfa la pancia, rugànti moderni

che 'l sia 'l siore Dio che 'l vede lontàn

a darne 'n spinton con magnari furèsti?

Magari 'n padèla, de malga 'l botér

o 'n mèz a 'n amblèt con na sgéva de mel

i è gròssi e bèi lònghi e i se làga broàr

no sèrve pù s'ciòpi e nepùra cortèi

te basta moiéte 'mpontade sul nass

e se i te par brodeghi, endentete 'n sass

Giuliano

manna

e dopo tre notti, arrabbiato come un tasso | si è scatenato il vento, piegando giù il bosco| nessuna pietà, sono tutti in ginocchio |  chi intero, chi spezzato, sono distese abbattute | e i vermi a Natale hanno fatto un gran pranzo | di cortecce ammorbidite da pianti di cielo | e adesso nascosti per dispetto o a ragione | si gonfiano la pancia, maiali moderni | che sia stato Dio che vede lontano | a darci una spinta verso cibi stranieri? | Saltati in padella con del burro di malga | o dentro una crepe col profumo di miele | sono lunghi e tripponi, si lasciano friggere senza dire mai niente | non servono più né fucili né coltelli | ti basta una molletta appuntata sul naso | e se fanno schifo addentati un sasso

Non è che sia un messaggio subliminale?

 

Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. MS Word saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com