quaresimale…

      6567.mp3

l’è ‘l föch che ‘mpitùra na sera de invern
a davèrger le porte de dì de mesèrie,
i à dit che bisòn far polìto, dalbòn
de sora gh’è un che ne tènde
e ‘l varda che tut se ‘ndrizàss vèrs na crós
andadóra de gènt con el nàss massa alt
par nascòrgerse ‘n tèmp de qoéi ciòdi
‘mpiantadi ‘n la carne de védro de òmeni
pèrsi
svöidadi da ‘l ànema par na ciòpa de pan
strozegàdi da ruspe sota alberi sgionfi de sànch
naranzàri che ùmega odor de colori furèsti
col saór fòrt de gnào a ‘nmulàr le snasére
zévile

na facéra la basta a tegnìrne lì al calt
l’è orazion en ghinòcio denanzi a ‘n borèl zicolà
pogià fiss su le schene de chiche no à temp
de vardar se la nòt l’èi precisa del dì

pan pianin po’ se ‘ngrassa ‘n pegorìn da rostìr
e cossì rùa na storia che fenìss ‘n na magnada
qoéi che ‘n à i è contènti e qoéi altri no i gh’è

Giuliano

quaresimale…

è un grande fuoco che dipinge una sera d’inverno | ad aprire le porte di giorni di afflizione | ci hanno detto che bisogna far bene, davvero | c’è qualcuno che osserva dall’alto | e controlla che tutto ci porti nella direzione di una croce |  in un canale di gente con il naso troppo alto | per accorgersi in tempo di quei chiodi | piantati nella carne di vetro di uomini | sconfitti | con l’anima vuota per un tozzo di pane | trascinati da ruspe sotto alberi gonfi di sangue | aranceti che fumigano odore di colori stranieri | con l’intenso sapore di muffa a irritare le narici | garbate | una maschera basta a cullarci in un caldo tepore | sono preghiere in ginocchio davanti ad un tronco intagliato | appoggiato ben bene alle schiene di chi non ha tempo | di accorgersi se la notte sia identica al giorno | piano piano si alleva un agnello da forno | e si compie una storia che finisce su un desco | chi ne ha è sorridente e chi è senza non c’è

 

Musica: Hauser & Lana Trotovsek – J. S. Bach – Erbarme Dich, Mein Gott (St. Matthew Passion)

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






4 commenti su “quaresimale…

  1. CIAO Diablo
    Versi intensi e profondamente veritieri. Metafore intense con un finale che ci svela il dramma di un’ultima cena con un Giuda che è onnipresente….
    Brao
    Ciao

    1. Grazie molto del commento, ci sono periodi nei quali la realtà supera di gran lunga qualsiasi visione negativa…
      Il mio quaresimale ne descrive uno

      Grazie ancora, Guido

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available