This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Mon Mar 4 4:14:41 2024 / +0000 GMT

Canchen nr. 27




E se no às pù negùn  da tirarghe na siràca
te resterà 'n susùr de n'orazion sinzéra
en te na récia al cör
pandùda 'n tra le fìzze de 'n rumegàr senèstro
de colpe de valguni che à fat el bèl e 'l brut
màoch ti a lasàrghel far
i spègi i è caïa ma i cònta qoel che i vede
ensìn qoanche i par sporchi, s'ciatàde tute onte
e alor te gates ti

Cardine nr. 27

Se non c'è più nessuno da prendere a bestemmie
ti rimarrà il fracasso di una preghiera schietta
in un sussurro al cuore
manifesto tra le righe di uno scomodo brontolio
pieno di colpe per qualcuno che ha deciso per te
e tu, indifeso, a lasciarlo fare
gli specchi sono avari ma narrano di chi passa
perfino quando sembrano sporchi, manate unte
e lì, tu ti ritrovi

 

 
Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. HTML saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com