This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Wed Apr 17 5:00:53 2024 / +0000 GMT

viole...


la sento dent 'ndé l'anima
qoela canzon rabiosa
'nzispàda come 'l béghel
che 'l sbusa anca la nòt

la 'nfriza i mè pensieri
lasandoi lì, sgaùsi
coi òci mizi e pasi
dré 'n spègio amico crùo

la cònta sol le storie
de gènt che à lambicà
par sìa parole strache
che 'ngremenìs la sera

e sota, na mandòla
'n le man de 'n sonador
strusiàda 'n na careza
che sgrifa 'n sòn de paze

ma 'l cant mi 'l me par céndro
che sqoerge 'l boi de brasa
pò 'l ciel, capèl tut torc
se fa sugàr bèl cèt

su l'or del prà gh'è 'n fior
profumo al vènt che fis'cia
e 'n sgiànz che 'l lo careza
fa sùbit serenada

Giuliano

la sento dentro l'anima
la rabbia di quella suonata
stizzita come il gufo
che buca anche la notte

trafigge i miei pensieri
lasciandoli li, vuoti
con gli occhi bassi e fradici
dietro uno specchio, amico onesto

racconta solo le storie
di gente che ha sofferto
sembrano parole stanche
che intorpidiscono la sera

e, nell'aria, una mandola
nelle mani di un suonatore
strusciata in una carezza
che graffia un suono di pace

ma il canto mi sembra cenere
che copre braci ardenti
e poi il cielo, cappello umido
si lascia asciugare dolcemente

sul limitare del prato vedo un fiore
profumo al vento che sibila
ed un raggio di sole che lo accarezza
lo trasforma in serenata

Riguardava questa canzone:

httpv://www.youtube.com/watch?v=R_dyy7ygEX8
Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. HTML saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com