se ti me spètes…

      969.mp3

qoel ultim fiòc de néo
cunà sul vènt che tase
l’è qoèrta a ‘n fior selvadec’
‘n de ‘n dì de primavéra

lontan, sòn de campana
col sò batòcio gréo
compagna l’ultim sgiànz
de ‘n sol che va a polsàr

e ‘l ciel tut torc, ‘mbombì
saluda con na lagrima
ninöl soléo che sgola
e ‘l torna a le sò cà

pò ‘n baticör che slanega
‘l palésa su le galte
na rogia, sal de amor
che ronca i mè pensieri

lasando dent la vöia
che ‘n dì, se ti me spètes
g’avrai da dirte dolc
el cant nasù par ti

te tegno ‘n de i mè sogni
ti, luna a le mè nòt
te struco fisa al pèt
slusor dei dì pu rùgioi

saràs compagna a ‘l viac
come careza al viver

Giuliano

(è per Giorgio, spero non si offenderà se la pubblico)

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available