l’orloi…

      56.mp3

deför sul pontesél
co ‘n fret che ‘nghiacia el cör
me fago su na gheba
e i sogni i sgola alti

me strengio ‘nden maion
che come ‘n bel pensier
me par el so strucon
che ‘l scalda e ‘l me völ ben

son chi da sol coi lumi
che me völ star vizin
ma i slusega lontan
sciarando tut el ciel

e ‘nten moment tut cambia
se sente na canzon
e subito ‘na voze
spetada con pasion

la ride e lei contenta
de eserme lí arent
en pochetin lontana, da l’altra man del ciel
ma el cör el sento ben

el bate ‘ntela voze
el sento ‘ndei respiri
e quando che la scolto
me sento lí vizin

e doi parole en cros
le basta par capir
che anca da lontan
l’orloi el segna amor

Giuliano

É mezzanotte e andiamo a dormire, lontani dai corpi, ma non dal cuore
e dopo, il telefono tace…

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons