This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Tue Sep 17 14:58:00 2019 / +0000 GMT

mal…



qoéla sera la mè ciòca la piangeva

sóta i dédi che i sgolàva a carezàrla

ma de dént el sanch 'n de 'n brèghel, grisantèmi

gh'èra come na sorgìva a 'mbarlumàrme

i penséri, sbalegiàdi, i sdindonàva

su le màcie de sonada sóra 'l fòli

tràte lì, una dré l'altra come osèi

sora i fili 'n dì de aotùn che smòrza 'l sol

come róndole che spèta l'ùltim viàc

l'èra note a scarmenón sul ciel tut grìss

ma sul mantes che l'usmàva 'ncor en valzer

è crodà qoél goc de mì, perdù a sonàr

l'è na sféssa e la se avèrge su la chìpa

par aidàrme a desmissiàr 'l mè cör che möre

cògno sol vardar de méterghe le ónge

e pò i braci i tegnerà fin tant che spéngio

mi me resta 'nde 'l mè viver qoél saór

de 'na fràga che è nasùda a l'ombra tébia

e 'l pensér che gh'è valgùn che scolta cèt

anca qoande perde i spini, 'l làres, sol

Giuliano

quella sera la mia fisarmonica piangeva/sotto le dita che volavano in una carezza/ma di dentro il sangue che urlava, crisantemi,/c'era una sorgente che mi abbagliava/i pensieri, calpestati, dondolavano/sulle macchie di suonata sopra il foglio/buttate lì, una dietro l'altra come uccelli/sopra i fili di un autunno che spegne il sole/come rondini in attesa dell'ultimo viaggio/erano note alla rinfusa nel cielo grigio/ma sul mantice che rincorreva quell'ultimo valzer/è caduta quella goccia di me, intento a suonare/è uno spiraglio che si apre sulla china/per aiutarmi a risvegliare il mio cuore moribondo/devo solo cercare di metterci le unghie/e poi le braccia mi sosterranno finché spingerò/mi rimane dentro il vivere il sapore/di una fragola che è nata all'ombra tiepida/ed il pensiero che qualcuno che mi ascolti in silenzio/anche quando perderà le spine, il larice, solo

Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. MS Word saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com