ics

      1519.mp3

l’è già da ‘mpò che gài en ment qoel ségn
metù ‘ntrà mèz a mi e i mè desidèri
sgrifà su ‘n tòc de carta de scondón
de dré da na tendina repezàda

na sdréla de paròle a molinèla
de för da ‘ndoche nén a resonàr
le m’à cònta qoél ben che i völ par noi
promese scrite a voze sora ‘l vènt

e pegore che core a fieteràrse
coi cagni a rosegàrghe le noséte
gaven en ment na fàcia che ne piàš
ma vanza sol en sgrìf che ‘l par na cróš

l’è qoel che i dis che ‘l fus la libertà
nar dent come i putàti faimalóni
con qoel che n’è restà del nòs taliàn
‘gnoranti come pàiti a far na ICS

a che ne serviràl studiàr da scrìver
se pò lì sul pu bèl che ‘l doprerìsen
de tut qoél alfabeto fat su a gèsti
cognén dopràr la létra che no gh’è?

Giuliano

è da un pezzo che ripenso a quel segno
messo li in mezzo a me ed i miei desideri
graffiato su un pezzo di carta di nascosto
da dietro una tendina rammendata

una raffica di parole di contnuo
fuori dal posto dove andiamo a dire la nostra
mi hanno raccontato delle cose belle che vogliono per noi
con promesse scritte a voce sulle ali del vento

e pecore che corrono a nutrirsi
con i cani ad aizzarle alle caviglie
abbiamo in testa un viso che ci aggrada
ma resta solo un graffio che sembra una croce

è ciò che raccontano sia la libertà
essere messi in castigo come bambini vivaci
con ciò che ci è rimasto di italiano
ignoranti come tacchini a scrivere una ICS

a cosa servirà imparare a scrivere
se poi nel momento in cui sarebbe importante
di tutto il nostro bell’alfabeto
dobbiamo usare una lettera che non c’è?

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons






2 commenti su “ics

  1. “promese scrite a voze sora ‘l vènt”.

    Mi piace nel suo complesso la poesia, Giuliano, ma ci sono alcune espressioni che mi paiono di particolare effetto.

    Ma, aldilà della poesia, niente sarebbe mettere una ICS, come dici tu; il guaio è che, il più delle volte, la ICS devi metterla su un nome scelto da altri. A proposito di quel che dicevi tu sulla democrazia.

  2. Ciao Diaol,

    come la buta? Ogni tant vegno chi a dar nociada: l’è comot, l’è bel, l’è san; spezialment quan’che gò da tirarme su na costa l’è ‘nlaor che no ghe völ ‘n nient per meterse dreo: basta sentarse zo e lezer.
    Na medezina per el cör, na cuna per i ricordi.
    Iscrivme (alora) a quel corso de roba deer computer lè stà na ciave del temp che mà agutà a daverzer n’avertor su ‘nmondo de bele robe, ‘n mondo che t’ai e che te stai, regalando a noialtri.
    Grazie e stame ben.

    Eugenio

Rispondi a Guido Leonelli Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available