This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Fri Aug 23 20:38:27 2019 / +0000 GMT

pestolic...


a strózech
'n de 'l rìo tut carùgen
coi pèi fin gió 'n font
'n de nugole...
sabia
balòti lustràdi
e i rìdola,
tondi,
a giugàr co le pés

'n de i dédi 'mpizàdi
diaolìni de föc
e segni su l'àqoa
a sfondarse pan pian
vers la möia
dré, 'n rider matèl
che 'l rembómba, balòss,
lassà che 'l se cùnia
su 'n schena a na föia
che gira, 'mbriàga,
la fa molinèi

Giuliano

passi


a strascico | dentro il rivo di cenere | con i piedi immersi sul fondo | di nuvole... | sabbia | sassi lucidi | che rotolano, | rotondi, | a giocare con i pesci | nelle dita infiammate | un rovente dolore | e segni sull'acqua | che affondano piano | verso l'ansa | dietro, un ridere bambino | che rimbomba, balordo, | lasciato a cullarsi | in schiena ad una foglia | che gira, ubriaca, | diventa gorgo

Per l'amico Enzo Cecchi e la sensazione di quella foto sul fiume...

questi segni sull'acqua lasciati dai piedi a perdersi sul fondo... è una bella sensazione
Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. HTML saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com