This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Sat Aug 24 11:34:53 2019 / +0000 GMT

'ntorn...


en mazz 'ngartià, le man,
le pàr sànti Gioàni, tuti istessi,
'n giòm de dedi
color de föc
che 'l brùstola patùrnie
che i te le stìzza sóta i pèi
'nsegnàndote a tegnìrte, fìss,
remìt,
a sta stropàia encarolàda
che s'à fat i dì, remenghi.
I sesla i pradi,
anca i pù bèi i cròda 'n tèra
a svoltolon
lì arènt a ti
color de primavera
ti,
che te ràmpeghes 'n de l'erba suta
al sol
pò ciùtes en moment
par sora, ross patòch de invidia
negra
par qoela gàgia
senza raìss
...
che sgola
...
'ntorn


Giuliano

intorno

un mazzo aggrovigliato, le mani | sembrano gigli di San Giovanni, tutti uguali | un gomitolo di dita | color fuoco | che brucia le indecisioni |  che ti attizzano sotto i piedi |  insegnandoti ad aggrapparti forte, | eremita, | a questa siepe tarlata |  che sono diventati i giorni,  alla malora. |  Falciano i prati | anche i più belli cadono a terra | rovesciati | vicino a te, | colore di primavera| tu | che ti inerpichi nell'erba asciutta | al sole | e poi fai capolino per un momento | sopra a tutto, rosso intenso d'invidia | nera | per quella gazza  | senza radici | ... | che vola | ... | intorno

 

Tante volte ci si sente bloccati dalle proprie convinzioni e si cerca di attenuare quest'idea di prigione dando la colpa ad altri...
io, ogni tanto, mi guardo le mani, non so perché...
Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. HTML saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com